Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

martedì 30 novembre 2021

Al bando l'odio nella festa della Toscana

 


Ormai dal 2000 il 30 novembre di ogni anno il Consiglio regionale, il nostro parlamento, celebra con dignitosa solennità la festa della Toscana, voluta nel ricordo dell'anniversario dell'abolizione della pena di morte.

E' una giornata di orgoglio toscano, senza se e senza ma, da rispettare e di cui approfittare per studiare, riflettere, prepararsi a nuove azioni di civismo, ambientalismo, autonomismo.

Anche il fatto che cada così vicino alle feste del cuore d'inverno, aggiunge alla festa della Toscana il significato di rappresentare un invito alla tregua politica e alla riscoperta di ciò che ci unisce, come Toscani, in questo mondo diviso.

Per volontà del granduca illuminato Pietro Leopoldo di Lorena, il 30 novembre 1786 la Toscana divenne il primo stato moderno al mondo ad abolire la pena di morte, "conveniente solo ai popoli barbari", secondo il principe.

Recita il provvedimento lorenese: «Abbiamo veduto con orrore con quanta facilità nella passata Legislazione era decretata la pena di Morte per Delitti anche non gravi... (om.) ...avendo altresì considerato, che una ben diversa Legislazione potesse più convenire alla maggior dolcezza, e docilità di costumi del presente secolo, e specialmente nel popolo Toscano, Siamo venuti nella determinazione di abolire come Abbiamo abolito con la presente Legge per sempre la Pena di Morte contro qualunque Reo...» (51° articolo della Riforma).

Oltre alla pena di morte furono bandite le forche, la tortura e le mutilazioni. Dei patiboli fu fatto un falò nel Bargello, palazzaccio di polizia e di potere che da allora cominciò a liberarsi della sua fama sinistra.

Il provvedimento è uno dei pochi frutti durevoli dell'Illuminismo italiano, direttamente ispirato dall'opera "Dei delitti e delle pene", che il grandissimo Cesare Beccaria pubblicò proprio in Toscana per la prima volta, a Livorno, nel 1764.

Scorrendo l'archivio digitale delle celebrazioni precedenti, non si può fare a meno di notare che negli anni i leader del parlamento toscano hanno talvolta cercato di piegare la giornata a qualche argomento di corto respiro e non sfuggono certi eccessi di politicamente corretto, ma il tema di quest'anno, il rifiuto del linguaggio di odio nella comunicazione politica, nelle reti sociali, nella vita pubblica, merita di essere tenuto di conto.

Forse negli eventi ufficiali si parlerà molto della violenza verbale a cui la gente comune si abbandona dopo questi mesi terribili della pandemia. Forse si parlerà poco della violenza del pensiero unico con cui i potenti ci maltrattano dall'alto. Il tema, tuttavia, esiste. Nessuno può esimersene. Nessuno può tirarsi indietro dallo sforzo di mettere al bando l'odio, nemmeno noi che, in quanto oppositori del centralismo autoritario, essendo minoranza, ci sentiamo più vulnerabili, oppressi, messi all'angolo da prepotenze come quelle del Green Pass.

L'infodemia, più che la pandemia, ci ha stremato tutti. Non pochi hanno perso l'equilibrio personale, oltre che quello politico, sia tra i potenti che tra gli umili. Lo sforzo di conservare il senso della misura tocca a tutti. 

Sugli oppressi gravano forse responsabilità persino maggiori che sugli oppressori, se davvero si intendono coltivare riscatto con metodi nonviolenti, consapevolezza contro la caccia alle streghe che si è scatenata, argomenti lungimiranti per salvare la Repubblica delle Autonomie personali, sociali, territoriali.

Eppoi siamo Toscani, non dimentichiamolo, popoli che coltivano l'ironia anche salace, ma mai dimenticano la mitezza.

Buona festa della Toscana.

 

Per rimanere in contatto, iscrivetevi al canale OraToscana
https://t.me/OraToscana


domenica 28 novembre 2021

Meno si vota più ci comandano

 

I popoli della Svizzera hanno salvato la legge Covid, con una maggioranza del 60% circa.

Scorrendo i risultati stato per stato, una cosa si capisce: più si è votato, meno il Covid Pass è stato approvato. E' una lezione chiara: meno si vota, più si viene comandati da poteri estranei e lontani.

Nel piccolo cantone dell'Appenzello interno, dove ha votato più del 70% della popolazione, la legge Covid è stata bocciata. Nei grandi cantoni più urbanizzati (e più esposti alla propaganda globalista) hanno votato molti meno cittadini e la legge Covid è stata salvata.

Sia chiaro che la Confederazione è ancora uno spazio di libertà e di dibattito. L'iniziativa popolare per il potenziamento dell'assistenza infermieristica, nonostante l'opposizione del governo e del parlamento, ha avuto un notevole successo e si è imposta.

Tuttavia la battaglia per un cambiamento di mentalità è ancora lunga ed è fondamentale che le persone tornino a partecipare e a votare. Il cambiamento dal basso è un cammino faticoso.

Resta la speranza che quella dei sostenitori dell'odiato Green Pass sia una vittoria di Pirro. Il 60% non è necessariamente un trionfo e i sostenitori del Pass hanno dovuto promettere che la sorveglianza universale e la spinta a vaccinarsi (invece che curarsi) sarà solo temporanea.

Inoltre gli Amici della Costituzione, uno dei movimenti che ha lottato contro l'orrendo certificato verde, hanno annunciato la fondazione di un movimento politico: Aufrecht Schweiz (In piedi Svizzera).

Animo, quindi. La resistenza contro la divisione delle società attraverso il controllo dei corpi e della salute, va avanti.

Per approfondire:

https://www.rsi.ch/news/svizzera/Due-chiari-s%C3%AC-e-un-no-alle-urne-14899404.html

 

 

sabato 27 novembre 2021

Mai ci arrenderemo al green pass

 

Gli Studenti contro il green pass stanno diventando, con il loro coordinamento interuniversitario, un punto di riferimento per un grande cambiamento culturale nella nostra povera repubblica. Tra di loro ci sono i giovani che saranno protagonisti di un grande cambiamento anticentralista e antiautoritario.

Si uniscono ad altre realtà e comunità che sono un punto di riferimento importante di questa nuova resistenza. Solo per citarne alcune: i 1.000 professori universitari #NoGreenPass (che a parere di chi scrive, e non sembri mera enfasi, riscattano la categoria dalla vergogna di quando solo in dodici si rifiutarono di giurare fedeltà al regime fascista); i medici di IppocrateOrg; il milione di persone qualificate che da tutto il mondo hanno firmato la Great Barrington Declaration; i portuali di Trieste, animati da Stefano Puzzer, e il Coordinamento 15 ottobre che è nato dalla loro protesta; i Liberi Fiorentini di Fabrizio Valleri, il cui ruolo in Toscana è stato e sarà fondamentale. 

Il rifiuto del clima infame di terrore e discriminazione che è stato montato da pochi centri di potere globale deve essere anch'esso globale, costante e lungimirante.

Ancora pochi, purtroppo, hanno capito che la sovranità del corpo di ciascuna persona viene attaccata pesantemente dalle stesse forze che vogliono porre fine a tutte le altre autonomie personali, sociali e territoriali.

Alla vigilia dell'importante voto in Svizzera di domani, contro il sistema dei odiosi certificati verdi, raccomandiamo di leggere i testi scritti e diffusi dal movimento universitario. Ne riproduciamo integralmente uno, invitando tutti a leggerne anche altri. Sono grida di gioiosa e nonviolenta rivolta. Una rivolta che sarà difficile trasformare in cambiamenti duraturi, certo, ma che è necessaria, pena la distruzione di tutto ciò che ci è di più prezioso e che ci rende veramente umani, la nostra irriducibile diversità.

* * * 

Il Coordinamento Nazionale Studenti contro il green pass comunica quanto segue:

Con il Super Green Pass si raggiunge ufficialmente il punto di non ritorno per la democrazia italiana.

La Repubblica Italiana e l’Italia come l’abbiamo conosciuta fino al 2019 è morta.

Sarebbe ingenuo illuderci che durerà solo fino al 15 gennaio, non è così, lo sappiamo bene.

Tutto quello che oggi è parte della nostra quotidianità doveva essere una misura temporanea, nulla lo è stato, e questa misura non sarà diversa.

Prendiamo atto che entriamo, senza possibilità di tornare indietro, in un nuova Italia dove il ricatto, la vessazione, l’umiliazione e la riduzione in servitù dei cittadini è norma.

Prendiamo atto che ciò che decide per TUTTI gli aspetti della nostra vita è l’arbitrio e il capriccio di Draghi e poche altre persone, con il silenzio omertoso di tutti i partiti.

Dal 6 dicembre per milioni di persone inizia una vera e propria SEGREGAZIONE. 

Quello che fino ad ora abbiamo letto sui libri di storia o associato a qualche regime del terzo mondo è qui, in Italia, nel 2021.

C’è solo una cosa da fare DISOBBEDIRE.

 ° ° °  

Per leggere altri testi degli studenti e del movimento universitario anticentralista e antiautoritario, si visiti il loro sito:

https://www.studenticontroilgreenpass.it/

 

 

.



 

 

 

,

Post più popolari degli ultimi 30 giorni

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale ambientalismo anti-imperialismo Anticolonialismo antimilitarismo Antiproibizionismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Sicilia autogoverno della Toscana autogoverno di tutti dappertutto autonomie ambiente lavoro autonomismo basta cicche BijiKurdistan borgate borghi e comuni brigate d'argento Bruno Salvadori bussini chi può creare valore civismo come domare la spesa confederalismo contro gli ecomostri contro il centralismo contro il virus del centralismo autoritario contro la dittatura dello status quo coronavirus Corsica dalla mailing list di Toscana Insieme Decentralism International decentralismo dialogo autogoverno Disintegration as hope don Domenico Pezzini ecotoscanismo Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Europa delle regioni fare rete Festa della Toscana Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni frazioni garantismo gay alla luce del sole Gianni Pittella Giulietto Chiesa Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi indipendenze innocenza tradita internazionalismo Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Leonard Peltier Libera Europa Libera Firenze Libera Toscana Liberiamo l'Italia Libertà in Iran libertino localismo Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Maurizio Sguanci memoria storica meno dipendenza Mezzana Michele Emiliano monete locali NO a questa tramvia antifiorentina no al presidenzialismo no elettrosmog NoGreenPass NoMES nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana OraToscana Oscar Giannino pace e lavoro Palestina Patto per la Toscana Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano postcoronavirus Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quartieri quattrini al popolo Queer Faith radici anarchiche e socialiste Repubblica delle Autonomie ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana ritorno alla Costituzione rivoluzione liberale rivoluzione paesana rivoluzione rionale SaharaLibre salute pubblica San Carlo San Vincenzo Santa Cecilia sessantennio silver brigades solidarietà toscana spezzare le catene del debito statuto pubblico dei partiti Stefania Ferretti Stefania Saccardi Svizzera The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan Vincenzo Simoni vittime yes in my backyard