Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

giovedì 22 aprile 2021

Un 25 aprile con i valori di sempre, ma in un contesto diverso

Riceviamo e volentieri pubblichiamo, da Fabrizio Valleri e dagli attivisti di Libera Firenze, lista civica ambientalista e autonomista. I valori del 25 aprile sono quelli di sempre, ma cosa è fascismo, cosa è autoritarismo, cosa è il sempre ritornante centralismo autoritario, va contestualizzato.

* * *

Giulietto Chiesa, uno dei mentori di Libera Firenze, insieme a Fabrizio Valleri nella manifestazione dell'Odeon 2019

 



Comunicato stampa

Firenze, 22 aprile 2021

Fabrizio Valleri e gli attivisti di Libera Firenze aderiscono alla manifestazione indetta In occasione del 25 Aprile, festa nazionale della liberazione, dal Coordinamento Toscano per la Fine dello Stato d’Emergenza.

La manifestazione si terrà domenica 25 aprile dalle ore 15 in Piazza Santa Maria Novella a Firenze.

I promotori dell’evento ritengono sia in atto una SVOLTA AUTORITARIA, con il tradimento della lettera e dello spirito della Costituzione repubblicana.

Forzature e strumentalizzazioni della epidemia di covid, hanno portato, come tutti sanno:

  • a confinamenti insensati dei cittadini, privati così dei fondamentali diritti di spostarsi e di riunirsi pacificamente (art. 16 e 17 della costituzione);

  • all’attacco al diritto al lavoro scolpito con solennità nel primo articolo della carta;

  • al tradimento dell’articolo 32 della legge fondamentale ove asserisce che “Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario”.

Oggi, la segregazione, le chiusure e l’obbligo vaccinale rappresentano provvedimenti che, lungi dal risolvere i problemi sanitari, paiono piuttosto funzionali a un riordino della società in senso centralista autoritario, a spese delle piccole imprese, dei servizi pubblici locali, dei beni comuni.

Non vogliamo un futuro dominato da pochi enormi conglomerati finanziari internazionali. Sarebbe una società dai caratteri distopici.

Non siamo tranquilli quando vediamo anche attività pubbliche essenziali, come la scuola, la sanità, la pubblica amministrazione, vengono disumanizzate con DAD, telemedicina, lavoro a distanza.

Crediamo sia necessaria una nuova resistenza che rilanci l’idea di libertà e i valori di solidarietà, mutualismo, rispetto delle persona umana, quelli che prevalsero alla fine della guerra e che devono essere rinnovati, contestualizzati e riproposti in risposta all’inammissibile torsione centralista e autoritaria imposta dalla politica italiana (ed europea) nell’ultimo durissimo anno.

All’evento hanno aderito numerose forze sociali, politiche, gruppi di base e personalità del mondo della cultura e della scienza.

Alcuni dei principali interventi previsti: STEFANO SCOGLIO (ricercatore Scientifico, candidato al Nobel per la Medicina 2018); Leonardo Mazzei (del Coordinamento Toscano per la Fine dello Stato d’Emergenza); Antonello Cresti (musicologo fiorentino); Fulvio Grimaldi (giornalista e inviato di guerra per BBC e RAI); Eleonora Leoncini (avvocato e legale di Rinascimento Italia); Sonia Savioli (saggista toscana e attivista vicina a R2020); Luca Dinelli (Rappresentante RSU ASL Toscana Nord Ovest); Benedetto Tangocci (psicologo); Alessandra Scarcelli (insegnante di Pontassieve); Giuseppe Padovano (del Comitato NO GUERRA NO NATO).

Libera Firenze lista civica ambientalista autonomista
Telegram: https://t.me/liberafirenze

 

 

domenica 11 aprile 2021

Il Senato contro quelli della vigile attesa e della tachipirina


Il Senato della Repubblica delle Autonomie, in un raro momento di saggezza, approva un ordine del giorno per il potenziamento delle cure precoci e domiciliari, come da mesi chiedono Remuzzi, Cavanna e tanti altri. I toni sono moderati. L'ordine del giorno è unitario. Ma la sveglia è suonata, contro quelli della "vigile attesa" e della tachipirina.

Qui la fonte: http://www.senato.it/service/PDF/PDFServer/BGT/1210700.pdf

Qui l'estratto del testo approvato:

Senato della Repubblica

XVIII LEGISLATURA 

313ª Seduta ASSEMBLEA

ALLEGATO A

8 Aprile 2021 

G2 (testo 2) 

Romeo, Castellone, Binetti, Errani, Boldrini, Zaffini, Parente, Pirro, Cantù, Fregolent, Rizzotti, Iori, Richetti, Marinello, Lunesu, Siclari, Mautone, Marin, Stabile, Giuseppe Pisani, Doria, Taverna 

Approvato

Il Senato, premesso che: 

con circolare del 30 novembre 2020 su "Gestione domiciliare dei pazienti con infezione da SARS-CoV-2" il Ministero della salute ha fornito indicazioni operative per la presa in carico dei pazienti con Covid-19 in isolamento domiciliare; nella circolare si evidenzia come il virus abbia rappresentato un agente patogeno sconosciuto alla comunità scientifica internazionale fino al dicembre 2019, il che ha messo in condizione tutte le autorità sanitarie del mondo a confronto con una malattia (la Covid-19) della quale non si sapeva nulla e nei confronti della quale non esistevano protocolli specifici;

la gestione clinica dei pazienti affetti da Covid-19 si è progressivamente evoluta, attraverso il progressivo accumulo di informazioni relative al determinismo patogenetico della condizione morbosa, ai sintomi presentati dai pazienti e alle conoscenze che si sono andate via via accumulando nel tempo; 

le conoscenze maturate hanno indotto la comunità scientifica a differenziare i pazienti a seconda del rischio, al fine di determinare in quali casi sia necessaria l'ospedalizzazione, giacché nelle primissime settimane vi è stata una tendenza generalizzata, dovuta alle scarse conoscenze sulla nuova malattia, a curare tutti i soggetti contagiati da SARS-CoV-2 attraverso il ricovero ospedaliero, anche nei casi in cui la malattia non si è rivelata particolarmente aggressiva e creando i presupposti per un intasamento delle strutture ospedaliere;

solo in una seconda fase, quando le conoscenze mediche si sono dimostrate più solide, essendosi avvantaggiate da un'esperienza clinica ormai significativa, le autorità sanitarie hanno intrapreso un percorso nel quale il ricovero ospedaliero è stato riservato solo ai pazienti che evidenziavano un quadro clinico più severo; 

si è giunti quindi alla doverosa conclusione per cui una corretta gestione dei pazienti affetti da Covid-19 presuppone, da un lato, l'immediata adozione delle cure maggiormente idonee e specifiche per il singolo individuo, dall'altro, l'esigenza di non affollare in maniera non giustificata gli ospedali e soprattutto le strutture di pronto soccorso; 

è necessario, pertanto, alla luce delle esperienze sul territorio superare la previsione della "vigile attesa" prevedendo l'aggiornamento dei protocolli e delle linee guida dando la possibilità per i medici di prescrivere i farmaci ritenuti più opportuni tenuto conto del singolo caso, nel quadro delle indicazioni della comunità scientifica validate dagli organi preposti; (neretto aggiunto da noi del blog)

ne consegue che i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta, grazie alla presenza capillare nel territorio e alla conoscenza diretta della propria popolazione di assistiti, sono chiamati a svolgere un ruolo cruciale nell'ambito della gestione dei soggetti positivi, in stretta collaborazione con il personale delle USCA (unità speciali di continuità assistenziale) e con eventuali unità di assistenza presenti sul territorio; ciò è fondamentale nell'ottica di un nuovo modello di sanità territoriale che garantisca l'interprofessionalità nell'ambito dei distretti socio-sanitari; 

è inoltre di strategica importanza favorire il lavoro in team multidisciplinari e multiprofessionali, ricorrendo anche a strumenti di telemedicina ed utilizzando software interoperabili affinché i dati clinici ed assistenziali generati nell'ambito dell'assistenza territoriale divengano patrimonio del SSN e dei ricercatori che operano nelle istituzioni di ricerca pubbliche;

considerato che:

il SARS-CoV-2 continuerà a circolare nella comunità nazionale, stres-sando la capacità di risposta delle strutture sanitarie poiché, in attesa di completare la profilassi vaccinale, la Covid-19 non si può considerare al momento eradicabile e pertanto si può ipotizzare una fase, nel medio periodo, di endemia stabile, con possibili incrementi periodici, perlomeno fino alla disponibilità di ulteriori misure di prevenzione e trattamento dell'infezione;

è indispensabile fornire indicazioni operative volte ad identificare precocemente i pazienti con sospetta malattia Covid-19, incentivandone la presa in carico precoce, (neretto aggiunto da noi del blog) migliorare le funzioni assistenziali, tracciare i contatti, assolvere gli obblighi di segnalazione di caso ai fini epidemiologici, garantire la sorveglianza sanitaria e l'assistenza delle persone fragili in quanto più esposte al rischio e necessitanti di una implementata presa in carico; 

sono sempre più numerose, anche sulla scorta delle esperienze internazionali, le evidenze positive, con valenza preventiva rispetto al ricovero in terapia intensiva e sub-intensiva del trattamento precoce delle infezioni, che non potrebbe operarsi senza una rapida ed estesa individuazione delle infezioni medesime; 

la circolare del Ministero della salute richiamata riconosce, tra gli scenari di gestione domiciliare dei pazienti Covid-19, che: a) una corretta gestione del caso fin dalla diagnosi consente di attuare un flusso che abbia il duplice scopo di mettere in sicurezza il paziente e di non affollare in maniera non giustificata gli ospedali e soprattutto le strutture di pronto soccorso; b) i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta, grazie alla presenza capillare nel territorio e alla conoscenza diretta della propria popolazione di assistiti, sia in termini sanitari che in termini sociali, devono giocare, in stretta collaborazione con il personale delle USCA econ eventuali unità di assistenza presenti sul territorio, inclusi gli infermieri di comunità, un ruolo cruciale nell'ambito della gestione assistenziale dei malati di Covid-19, riconoscendo un ruolo cruciale ai membri della famiglia o ai conviventi del paziente;

la casa come luogo primario di cura è il punto cardine di una nuova visione della medicina di prossimità che attenua il senso di allontanamento e di perdita delle relazioni quotidiane e apporta una dimensione non solo farmacologica ma anche relazionale al trattamento sanitario; (neretto aggiunto da noi del blog)

in assenza di linee guida aggiornate ed univoche volte a fornire protocolli generali di cura domiciliare dei pazienti Covid-19, si registrano sul territorio nazionale rilevanti diversificazioni tra i protocolli sanitari regionali, evidenziando in alcune Regioni l'implementazione di protocolli definiti nel corso di un costante monitoraggio e aggiornamento delle indicazioni fornite sia sul piano farmacologico che dell'organizzazione e coordinamento della rete territoriale di assistenza da attivare per l'esecuzione degli accertamenti diagnostici; 

la riduzione delle attività ordinarie ha comportato, verosimilmente, una diminuzione dell'assistenza rivolta alle persone con patologie croniche, spesso multiple,aumentandone la condizione di fragilità. Pertanto, garantire la funzionalità dell'intera rete dei servizi territoriali, soprattutto quelli rivolti alle persone più fragili, è un impegno di carattere etico e di rinnovamento culturale, oltre che organizzativo, e rappresenta una responsabilità di sanità pubblica che assume particolare rilevanza nel corso dell'attuale emergenza sanitaria.

Sono infatti soprattutto i soggetti fragili coloro che rischiano di andare incontro a complicanze in caso di infezione da SARS-CoV-2 (6 su 10 delle persone decedute sono ultraottantenni e quasi tutte sono persone fragili) ed è soprattutto a loro tutela che va garantita una presa in carico precoce; così come va assicurata la presa in carico territoriale delle persone dimesse dal ricovero ospedaliero, istituendo un corretto percorso di continuità ospedale-territorio, con l'obiettivo di migliorarne l'appropriatezza offrendo assistenza alla persona ed evitando che questo passaggio diventi occasione di contagio;

l'AIFA, a seguito del decreto-legge cosiddetto "Cura Italia", ha adottato procedure straordinarie e semplificate per la presentazione e l'approvazione delle sperimentazioni e degli usi compassionevoli dei farmaci nell'utilizzo contro il Covid-19. Tale percorso semplificato prevede una valutazione preliminare da parte della commissione tecnico-scientifica (CTS) di AIFA, mentre al comitato etico dell'istituto nazionale malattie infettive "Lazzaro Spallanzani" è affidato il ruolo di comitato etico unico nazionale. Sul sito dell'AIFA è disponibile una sezione apposita dedicata al Covid-19, nella quale sono disponibili tutte le informazioni sulle sperimentazioni in corso. Alla data del 3 aprile 2021 sono state approvate 68 sperimentazioni,

impegna il Governo:

1) ad aggiornare, a cura del Ministero della salute, avvalendosi all'occorrenza dell'Istituto superiore di sanità, AIFA ed AGENAS, i protocolli e linee guida per la presa in carico domiciliare da parte di MMG, PLS e medici del territorio, deipazienti Covid-19 tenuto conto di tutte le esperienze dei professionisti impegnati sul campo; 

2) ad istituire un tavolo di monitoraggio ministeriale, in cui siano rappresentate tutte le professionalità coinvolte nei percorsi di assistenza territoriale, vista la crescente complessità gestionale e la necessità di armonizzare e sistematizzare tutte le azioni in campo; 

3) ad attivare, per una efficace gestione del decorso, fin dalla diagnosi, interventi che coinvolgano tutto il personale presente sul territorio in grado di fornire assistenza sanitaria, accompagnamento socio-sanitario e sostegno familiare, nel rispetto dell'autonomia regionale; 

4) ad attivarsi affinché le diverse esperienze e dati clinici raccolti dai Servizi sanitari regionali confluiscano in un protocollo unico nazionale di gestione domiciliare del paziente Covid-19; 

5) ad affiancare all'implementazione del protocollo nazionale per la presa in carico domiciliare dei pazienti Covid-19 un piano di potenziamento delle forniture di dispositivi di telemedicina idonei ad assicurare un adeguato e costante monitoraggio dei parametri clinici dei pazienti.

________________

 

giovedì 8 aprile 2021

Una doverosa critica a Giani

 


Il presidente della Toscana, Eugenio Giani, si merita le critiche che lo stanno raggiungendo in questi giorni. Farebbe bene ad ascoltarle. Gli staff della sua amministrazione, in particolare quelli dell'Assessorato alla sanità, diano immediati segnali di averle ascoltate.

Molti c.d. fragili in attesa di un vaccino anti-Covid-19 nelle ultime ore hanno ricevuto un SMS che li invita a pazientare e promette loro che saranno chiamati e non dovranno più partecipare alla lotteria dei "clicche" sul portale https://prenotavaccino.sanita.toscana.it/. Ci auguriamo che sia vero.

Tra i più severi critici si contano, oltre agli attivisti civici, ambientalisti e autonomisti, medici di famiglia, lavoratori della sanità territoriale, esponenti di comitati (come il Coordinamento toscano per la difesa della Costituzione o il CREST, Comitato regionale emergenza sanità toscana). Saranno ascoltati? Ce lo auguriamo.

E' stato un grave errore iniziare a vaccinare senza uno screening di chi era già stato malato. Del virus sappiamo di certo poco, ma di sicuro chi si è già ammalato ed è guarito, non può essere messo in fila come gli altri per un vaccino.

E' stato sbagliato aprire un portale online offrendo poche migliaia di posti a un pubblico di interessati che si contava a centinaia di migliaia di persone. Non c'è bisogno di essere esperti informatici o di logistica per capire che questo avrebbe generato solo disastri.

E' stato folle vaccinare intere categorie, come personale amministrativo, familiari di dipendenti e persone giovani (compresi avvocati che non frequentano le carceri,  insegnanti che non insegnano, giovani infermieri e tirocinanti medici non ancora al lavoro). Questa scelta ha distratto dal concentrarsi sulle uniche persone a cui vale davvero la pena di dare questi vaccini sperimentali: cittadini ultra settantenni e soggetti fragili.

Aggiungeremmo che è mancata una visione, una capacità di guardare le cose in modo diverso, dal basso e dalle periferie. E' per questo che esistono le autonomie, per pensare e fare qualcosa di diverso dal pensiero unico che viene dal centralismo autoritario. Noi, al posto di Giani, avremmo per esempio sperimentato la vaccinazione di massa in alcune aree circoscritte e naturalmente isolate, come le isole dell'arcipelago toscano o alcune comunità montane. Questo al fine di metterle in sicurezza, considerando che sono lontane dai grandi centri sanitari, e per sperimentare, d'accordo con le popolazioni e le autorità locali, la creazione di isole "bianche", a cui consentire, al più presto, il ritorno a una vita normale.

E' evidente che Giani si trova a operare in una situazione già critica, a causa delle sciagurate scelte del passato: indebolimento dei servizi territoriali, un costoso accentramento (come dimenticare le convenzioni Astaldi per i quattro nuovi ospedali, finite nel mirino della Corte dei Conti?), l'eccessivo spazio dato alle strutture private, la poco oculata espansione dei servizi “intra moenia”. Proprio per questo sarebbe giunto il tempo di ascoltare, riflettere, innovare.

Ci piacerebbe che il presidente Giani, da poco eletto, trovasse il tempo di incontrare e ascoltare il nostro mondo civico, ambientalista, autonomista, delle periferie e degli umili, 

Senza complessi d'inferiorità, possiamo dirlo ad alta voce: le nostre idee sono ancorate al futuro e al bene di tutti, molto di più di quelle che dominano nei palazzi del potere regionale e centrale.


Post più popolari degli ultimi 30 giorni

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale ambientalismo anti-imperialismo Anticolonialismo antimilitarismo Antiproibizionismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Sicilia autogoverno della Toscana autogoverno di tutti dappertutto autonomie ambiente lavoro autonomismo basta cicche BijiKurdistan borgate borghi e comuni brigate d'argento Bruno Salvadori bussini chi può creare valore civismo come domare la spesa confederalismo contro gli ecomostri contro il centralismo contro il virus del centralismo autoritario contro la dittatura dello status quo coronavirus Corsica dalla mailing list di Toscana Insieme Decentralism International decentralismo dialogo autogoverno Disintegration as hope don Domenico Pezzini ecotoscanismo Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Europa delle regioni fare rete Festa della Toscana Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni frazioni garantismo gay alla luce del sole Gianni Pittella Giulietto Chiesa Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi indipendenze innocenza tradita internazionalismo Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Leonard Peltier Libera Europa Libera Firenze Libera Toscana Liberiamo l'Italia Libertà in Iran libertino localismo Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Maurizio Sguanci memoria storica meno dipendenza Mezzana Michele Emiliano monete locali NO a questa tramvia antifiorentina no al presidenzialismo no elettrosmog No Green Pass NoGreenPass NoMES nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana OraToscana Oscar Giannino pace e lavoro Palestina Patto per la Toscana Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano postcoronavirus Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quartieri quattrini al popolo Queer Faith radici anarchiche e socialiste Repubblica delle Autonomie ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana ritorno alla Costituzione rivoluzione liberale rivoluzione paesana rivoluzione rionale SaharaLibre salute pubblica San Carlo San Vincenzo Santa Cecilia sessantennio silver brigades solidarietà toscana spezzare le catene del debito statuto pubblico dei partiti Stefania Ferretti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan Vincenzo Simoni vittime yes in my backyard