Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

lunedì 29 ottobre 2012

Pensavamo peggio

Congratulazioni al nuovo presidente della regione autonoma della Sicilia, un attivista anti-mafia, un ecologista, un omosessuale, un cristiano: Rosario Crocetta. E' senza maggioranza, ma se punta davvero i piedi nei primi cento giorni, può farcela a strappare all'Assemblea siciliana qualche minima autoriforma e condurre la Sicilia a un nuovo voto entro poco tempo.
I cambiamenti, se sono veri, se sono profondi, sono lenti, lunghi, faticosi, dolorosi.
Il Movimento Cinque Stelle si conquista, invece, una comoda posizione da primo partito in termini di voti e seggi, senza però alcuna responsabilità di governo. Sono le drammatiche assurdità del sistema proporzionale, dei voti di lista, delle preferenze, che affossano sul nascere anche i movimenti - a parole - più di rottura.
Il PD, il PDL, le forze del cosiddetto e ormai disciolto Terzo Polo, ne escono tutte indebolite, ma tutt'altro che emarginate. Se ci fosse stato un ballottaggio, le forze dello status quo avrebbero avuto la vittoria assicurata.
Autentici ribelli siciliani - fra i quali chi scrive annovera prima di tutto Micciché - hanno combattuto la loro buona battaglia, che fa loro onore, ma sono stati bocciati e ora, giustamente, devono avviarsi lungo la strada di un onorevole ritiro.
Più di un cittadino sovrano siciliano su due ha rinunciato a dire la sua, cosa che un pochino inquieta, perché siamo cresciuti in una temperie politica in cui il voto è un diritto-dovere sacro, l'unico vero comandamento civile che ha unito per decenni la maggioranza degli Italiani.
La nostra modesta opinione è che queste elezioni siciliane hanno fatto certamente tremare lo status quo, ma non hanno minato il potere degli eterni gattopardi.
Purtroppo, senza cambiamenti profondi nelle regole del gioco, tornare a votare in Sicilia, così come anche fra poco in Lazio e in Lombardia, rischia di servire a poco...
Queste elezioni regionali anticipate nelle più grandi e più importanti regioni del paese, rischiano di diventare una zattera di salvataggio per l'establishment e per intere elite di vecchi politici.
Quello che forse potrebbe non riuscire loro, sopravvivere a una tornata elettorale politica nazionale, rischia di essere più facile in queste grandi regioni del paese, perché le regole con cui si vota lì - proporzionale e preferenze - sono persino peggio del Porcellum nazionale.
Vediamo che succede, ma, sinceramente, siamo un po' delusi.
Ci aspettavamo una reazione più anticonformista, una rottura più audace.
Speravamo che alle elite politiche uscenti della Sicilia andasse davvero peggio.



Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard