Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

mercoledì 17 ottobre 2012

Un cittadino si sfoga, contro le preferenze, contro i politici che hanno fallito

Riceviamo e volentieri pubblichiamo, da Marino Guglielmo, attraverso Toscana Insieme.
Marino Guglielmo ha scritto, in data 10/10/2012:


Con le liste bloccate garantiscono la poltrona ai vecchi della politica. Con le preferenze sostenute da Casini, si torna al passato.
Resta una illusione quella di far scegliere i parlamentari a noi cittadini. 
Non si uscirà mai da questo inganno?
Occorrerebbe una legge elettorale come quella francese, con collegi uninominali, con il doppio turno, dove veramente è il cittadino a scegliere chi mandare in parlamento
Basta con i soliti politici chiaccheroni che non riformano nulla, che pensano solo a mantenere la poltrona.
Noi Italiani siamo dei c*i.
Nessuno più ci protegge: nemmeno i  sindacati, le associazioni dei consumatori, ed altri. Nemmeno il presidente della Repubblica, che dovrebbe far rispettare l'esito del referendum sui finanziamento ai partiti.
Sono tutti interessati a proteggere i propri privilegi.
Tutte le riforme annunciate sono rimaste nei cassetti.
Torneremo a votare con il numero dei parlamentari invariato.
Occorrerebbe una rivolta vera, una presenza fisica davanti a Montecitorio e Palazzo Madama.
Non ne possiamo più con questi politici, che per paura del peggio ora appoggiano Monti, che ogni giorno che passa ci aumenta le tasse fino al punto che falliremo tutti a breve.
Questa è la strada per morire se non si reagisce con decisione.
Addirittura, per la paura di governare in questa situazione, i partiti auspicano un Monti bis: roba da pazzi.
A nessuno di loro interessa più niente.
Sul mancato taglio degli stipendi a burocrati, alti funzionari, magistrati... Ma diamogli pure l'aumento di stipendio, è scritto nella Costituzione! Ma almeno chiediamogli un contributo straordinario del 30% per tre anni!
A noi cittadini pensionati comuni hanno bloccato le rivalutazioni per due anni...
C'è qualcuno che ha il coraggio di proporre di eliminare  queste ingiustizie?
Se c'è, esca allo scoperto.
Verrebbe voglia di non andare più a votare.
Tanto è inutile, con questi partiti, non si potrà mai rinnovare il nostro paese.
Grazie. Mi sono almeno sfogato.


>
> Ci lasciano solo l'illusione che saremo noi a scegliere i nostri
> prossimi capi-bastone, sfruttatori, corruttori:
> http://diversotoscana.blogspot.it/2012/10/la-scomoda-verita-sulle-preferenze.html
>

Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard