Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

giovedì 31 maggio 2001

Toscana Libertaria, il primo appello

Archiviamo qui un altro elemento dal nostro vecchio sito di http://www.toscanalibertaria.org . E' il primo appello pubblico con cui, assieme agli amici di sempre, abbiamo annunciato l'avvio del nostro lavoro, come libertari toscani, al servizio del rinnovamento politico nella nostra madreterra (Nda del 19/9/2011).



giovedì 31 maggio 2001
L'appello a impegnarsi per un progetto "Toscana Libertaria"


Alcuni esponenti di Insieme per Prato e intellettuali ed esponenti dei movimenti libertari della Toscana lanciano il primo invito pubblico a impegnarsi per un progetto di "Toscana Libertaria"
Costruire un nuovo associazionismo politico all'altezza delle tradizioni e delle libertà della nostra terra

Prato, giovedì 31 maggio 2001


Il comitato promotore di Toscana Libertaria convoca, per la prima volta, una assemblea pubblica, a Prato, per sabato 15 settembre 2001.

L'incontro è aperto a tutti, ma ci teniamo ad incontrarci fra noi che abbiamo fatto alcune importanti esperienze: impegno nelle liste verdi e civiche; per il federalismo; nei movimenti per il rinnovamento della Repubblica e contro la partitocrazia; la partecipazione alle battaglie liberali, liberiste e libertarie dei Radicali italiani; il lavoro nell'associazione Insieme per Prato e in associazioni cittadine simili.

Noi che abbiamo fatto queste esperienze affermiamo, con orgoglio, di essere un'area politica autonoma e vitale, utile alla Toscana, ai Toscani, alle nostre tradizioni e libertà. Un'area che, con la giusta gradualità e serietà, potrebbe decidere di diventare una parte politica organizzata, dotata della giusta autonomia dagli altri partiti italiani e toscani.

Abbiamo gli ideali comuni necessari per costruire un impegno politico locale e toscano, autonomo, a lungo termine, adatto ai tempi e alla nostra terra? Crediamo di sì e ci assumiamo la responsabilità di indicarne alcuni.
Siamo interpreti di uno spirito laico e promotori delle libertà del lavoro, del sesso, della scuola, dell'informazione, delle cure, contro tutti i monopoli, i clericalismi, le ritornanti tentazioni dello "stato etico".
Crediamo nella responsabilità individuale e nella progressiva riduzione di ogni forma di proibizionismo.

Siamo conservatori dell'ambiente, dei beni culturali, dell'artigianato, delle tradizioni agricole. Con pragmatismo e moderazione, intendiamo usare le leggi per mantenere la libera iniziativa economica privata all'interno di uno sviluppo sostenibile, che protegga i viventi, le biodiversità, il clima, il pianeta.

Vogliamo la trasparenza della scienza, della tecnologia e della ricerca, che devono evolversi liberamente sotto il controllo di una opinione pubblica informata ed entro fermi limiti alla brevettabilità dei suoi risultati, in particolare delle manipolazioni del patrimonio genetico dei viventi.

Vogliamo dalla politica il diritto, non la giustizia, attraverso poche leggi, chiare, semplici, ma fatte applicare con fermezza da una polizia competente e da tribunali indipendenti e rapidi. Leggi sotto le quali persone di ogni fede, cultura, censo, diversità fisica e sessuale, capacità e attitudine, possano vivere nella dignità e si possa continuare ad alimentare la nostra millenaria tradizione di senso civico.

Siamo dentro le correnti libertarie mondiali di questo nostro tempo della disintegrazione, che mettono in discussione la crescita abnorme delle organizzazioni internazionali, che vogliono ridurre l'interventismo e il dirigismo delle istituzioni europee, che appoggiano i processi di riorganizzazione federale di tutti gli stati del mondo.
Crediamo, in materia di federalismo e autonomie politiche, sociali e personali, in una attuazione sempre più ambiziosa del principio di sussidiarietà.
Ci impegniamo per la riforma federale della Repubblica e per la nascita dell'Autogoverno della Toscana.
In tutte le istituzioni desideriamo portare avanti l'ideale dell'elezione diretta, uninominale, maggioritaria, dei titolari di cariche pubbliche, secondo la tradizione anglosassone.

Per rendere visibili questi e altri punti del nostro patrimonio di tradizioni e libertà, vogliamo competere con candidati e programmi che rappresentino e facciano contare il nostro spirito libertario, alle elezioni
locali, regionali e politiche, partecipando attivamente al cambiamento istituzionale e statutario in senso federale che è comunque avviato in Italia e in Toscana.

Per competere abbiamo bisogno di incontrarci con altri, di mescolarci, di rimetterci in discussione, e di lavorare per potenziare e mettere in rete fra di loro associazioni locali libere e forti, pluraliste ed aperte,
autofinanziate, capaci di accumulare esperienza e competenza e di far emergere e lasciar crescere i propri leader naturali. Associazioni che abbiano regole di appartenenza, di autofinanziamento, di organizzazione tali da renderle paragonabili alla tradizionale forza e durevolezza del libero associazionismo toscano.

Diamoci una mano a costruire qualcosa per noi stessi, a lanciare nella vita pubblica questo nostro patrimonio ideale, a costruire una forma associata che sia degna della nostra coscienza civile.

Davide Bacarella
Endrio Corrado
Fioravante Scognamiglio
Mauro Vaiani


Fonte: http://www.toscanalibertaria.org/cammino/2001-05-31-il-primo-appello-pubblico.html  (ultimo accesso lunedì 19 settembre 2011)

Post più popolari di sempre