Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

martedì 23 ottobre 2012

Peccatori come gli altri

Ricevo dall'amico Sergio Simoni, attraverso la più importante mailing list dei gruppi omosessuali cristiani della Toscana, e con gioia rilancio (ndr):

Subject: [kairosfi] Don Santoro.
From: Sergio Simoni
Date: Tue, 23 Oct 2012 14:41:56 +0100 (BST)
To: kairos <kairosfi@yahoogroups.com>

Il gesto di don Santoro e la comunione pubblica ai gay è un fatto che fa veramente breccia nella ipocrisia dominante nella chiesa cattolica. Non più si sa ma non si dice, ma si dice e si fa pubblicamente, dando l'eucarestia ai gay come tutti gli altri, non peccatori di altra serie peggiore. Peccatori come gli altri e non più di altri. E' un'obiezione di coscienza per aprire di più ad un mondo che cambia e che non si può solo affrontare con regole rigide ormai passate e così moraliste che allontanano tanti invece di avvicinarli.
Spero che sia solo l'inizio di una primavera, che riguardi tutta la chiesa, diffondendosi in tutte le altre diocesi. Una chiesa cosciente dei dolori inutili che ha causato e che si apra al mondo e alle nuove conoscenze senza paura, perchè quando si parla di regole e persone si deve pensare che le persone sono più importanti delle regole. Spero che sia l'inizio di un approfondimento su un tema che altre chiese protestanti hanno già fatto da tempo.
Ciao a tutti.

* * *

Grazie, Sergio, un abbraccio.

Post più popolari di sempre