Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

mercoledì 10 ottobre 2012

La scomoda verità sulle preferenze

Incombe su tutti noi il pericolo del ritorno delle vecchie preferenze facoltative all'italiana e non resteremo certo a guardare, di fronte a questa roba da matti, come la ha definita l'amico senatore e professore Stefano Ceccanti.
E' inutile parlare di lotta alla corruzione, di riduzione dei costi della politica, addirittura di riforme costituzionali, se intanto, sotto banco, si tenta di ripristinare un sistema di voto in cui non sono affatto gli elettori a controllare gli eletti, ma viceversa, sono i capi-bastone e i signori delle preferenze a controllare, uno per uno, i propri fedeli clienti.
Come ha scritto Carlo Fusaro, mentre fanno finta di darci un potere di scelta delle persone, ci tolgono l'unico vero potere che ci stavamo riprendendo con il Mattarellum: quello di scegliere una persona in rappresentanza del nostro territorio, in un collegio uninominale, con le primarie, in una competizione politica che produce anche, secondo lo stile anglosassone, una vera indicazione popolare del premier.
La scelta fra un futuro fatto di primarie e un ritorno al passato delle vecchie preferenze all'italiana è uno spartiacque generale e trasversale. Più importante ancora della frattura, pur necessaria, fra vecchio e nuovo.
I collegi uninominali attraggono persone audaci e competitive, che possono e vogliono unire delle maggioranze, attorno a temi di interesse generale. Le preferenze attraggono coloro che vogliono salire sulla diligenza della spesa pubblica, per portare vantaggi alla loro minoranza, alla loro fazione.
A qualcuno, per esempio a chi scrive su questo blog, tocca ripetere - fino allo sfinimento - la scomoda verità: i nominati sono un disastro, ma la perpetuazione dei signori delle preferenze, quelli che hanno sin qui spadroneggiato in Lombardia e nel Lazio, nel consiglio comunale di Roma e in quello di Reggio Calabria, è stata e sarà molto peggio.
Prepariamoci a resistere, resistere, resistere.

* * *

Diffuso attraverso Toscana Insieme


Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard