Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

venerdì 21 gennaio 2011

Se anche la Lega si dà alla propaganda

Come hanno denunciato accademici come Alessandro Petretto, come purtroppo avevamo previsto, come è stato scritto recentemente sul sito di Italia Futura, come sta denunciando l'ANCI con il suo presidente Chiamparino, siamo di fronte al pericolo che anche la Lega, non potendo più fare politica né riforme, si dia alla propaganda.

Il federalismo municipale presentato da Calderoli incatena i comuni ai capricci politici del sultano romano ed è ben lontano dal contenere una chiara devoluzione di poteri e attribuzione di responsabilità.

Cambiare è drammaticamente difficile e anche i vertici nazionali della Lega Nord, che sono in politica da prima di Berlusconi, non ce la fanno più e stanno diventando ipocriti come lui e la sua corte. Buoni a far campagna elettorale, non a cambiare lo status quo, una volta vinte le elezioni.

Ammesso e non concesso che la prossima volta le vincano, queste elezioni.

PS:

Non poteva mancare, sempre più feroce di quanto potrò mai fare io, l'intervento dei miei amici di Phastidio.Net contro il federalismo adulterato di questo fallimentare governo.

Post più popolari di sempre