Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

lunedì 17 gennaio 2011

Piccola ape furibonda

Ieri con degli amici abbiamo fatto una camminata sulle pendici del monte Faeta, sopra Asciano Pisano. Siamo arrivati fino al Passo di Dante e poi oltre, fino ai resti etruschi che si trovano sulla cima del Castellare, sopra villa Bosniaski.

E' stato bellissimo camminare sui sentieri della nostra terra e parlare con gli amici in questa che forse è stata la prima domenica veramente soleggiata dell'anno nuovo.

Si è discusso di tante cose che vorremmo diverse, migliori, ma anche di quelle che vorremmo proteggere e conservare per sempre.

Si è parlato anche di poesia.

Mi sei tornata in mente, piccola ape furibonda. Ho scelto questo bel video, che dimostra che ci manchi, ma anche che ci sei...

Come scrissi il giorno della sua morte, il 1 novembre 2009, se esiste un paradiso, speriamo davvero di trovarci Alda Merini, magari in forma di piccola ape furibonda, che cambia continuamente di colore, che non ha misura, che non ha vergogna... Fermati, viaggiatore, se puoi, e valla a trovare...


* * *



* * *

Il brano è tratto dall'album Rasoi di seta - Amore
Liriche di Alda Merini - Musica di Giovanni Nuti

Ho perso lungo i solchi della vita
o mio unico Amore
Dio di giacenza e di dubbio
Dio delle mitiche forze
Dio, Dio, sempre Dio
che sei piu' forte degli amplessi
e dei teneri amori
che fai crescere le fontane
e che appari e dispari
come un luogotente del destino
perderti è come perdere la speranza
e io ti ho perduto.
Ti ho perduto non una
ma un milione di volte
e ritrovarti è come sorgere
dall'eterno peccato
per vedere le falle della vita
ma anche le tue mobili stelle
tu sei un Dio di amore
di amore
un Dio di amore
di amore


Le immagini del video sono tratte da "Francesco" di Liliana Cavani.

Post più popolari di sempre