Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

sabato 15 gennaio 2011

Anche gli Arabi possono cacciare un tiranno

E' bello leggerlo sulla pagina del blogger libanese Mustapha, con le parole di un giovane arabo che ci parla direttamente dal mondo islamico. Va scandito bene, parola per parola. Va ripetutto, perché in tanti, in troppi faranno fino all'ultimo finta di non sentire: anche gli Arabi possono cacciare un tiranno. Anche gli Arabi possono svegliarsi dalle sbornie ideologiche e accorgersi degli inganni dei vecchi e nuovi totalitarismi. Anche gli Arabi possono assumersi la responsabilità del proprio futuro, liberandosi dal vittimismo, dai complessi di inferiorità, dalla tentazione di dare la colpa dei loro problemi sempre agli altri: all'Occidente, ai cristiani, agli armeni, ai kurdi, agli ebrei, agli Israeliani, alle donne, ai gay, agli sciti, e così via...

E' una bella e dolorosa giornata, dall'altra parte del Canale di Sicilia. E' scoppiato in Tunisia un focolaio di speranza, che speriamo davvero contagi l'intero Maghreb, il mondo arabo, tutti i paesi musulmani.

Voglio ammalarmi anch'io della speranza dei nostri vicini tunisini, con le crude parole di un giovane scrittore e poeta omosessuale marocchino, Abdellah Taïa, che qua e là fra le pagine di uno scritto apparentemente solo intimistico, lancia delle grida che dovrebbero risuonare nel cuore di ogni cittadino dei paesi arabi:

"Non credevo più a niente.
Senza religione.
Senza D-o.
Gettato nel vuoto e nella sua vertigine.
Stravolto...
Ero nel cuore di un mondo arabo che, anche lui, in fondo, non credeva più a niente.
Un mondo assurdo.
Un mondo-prigione in cui la poesia era ormai rara.
Un mondo in cui si ripetevano gli stessi errori instancabilmente e, certo, la colpa era sempre degli altri, degli occidentali.
Non avevo più indulgenza, non provavo più tenerezza per quel mondo..."
(Abdellah Taïa, Uscirò da questo mondo e dal tuo amore, pag. 82 dell'edizione italiana Isbn Edizioni, 2010)

E' giunto il momento di cambiarlo, quel mondo.

Grazie, sorelle e fratelli di Tunisia, di aver gettato i vostri corpi, i vostri sogni, le vostre voci nella lotta.


Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard