Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

mercoledì 12 gennaio 2011

Tremonti esoterico

A un Piero Ostellino che ne aveva criticato un certo dirigismo di destra, oggi sul Corriere della Sera risponde, con un lunghissimo ma alquanto esoterico intervento, il ministro Tremonti.

Confessa l'impotenza a delegificare, deregolamentare, semplificare, sburocratizzare questa vecchia e malandata Repubblica.

Un'ammissione piuttosto triste, dopo quasi vent'anni che aspettiamo la rivoluzione liberale.

Si chiede allora un colpo di spada che tagli invece di sciogliere il nodo di Gordio che soffoca questo paese pieno di leggi e senza più legge. Sempre immaginifico, il ministro, che chiede - addirittura - una norma di valore costituzionale che stabilisca in modo definitivo il principio della responsabilità, dell'autocerficazione, del controllo ex post. "estendendoli con la sua forza obbligatoria a tutti i livelli dell'ordinamento, superando così i problemi del complicato riparto delle competenze legislative" (sic).

Dove infilare una norma così potente? Il ministro Tremonti suggerisce di modificare l'attuale art. 41 della Costituzione, che attualmente recita:

Art. 41
L'iniziativa economica privata è libera.
Non può svolgersi in contrasto con l'utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana.
La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l'attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali.

Non è poi un articolo così pericoloso, non trovate? E' anche meno "socialisteggiante" e tutto sommato meno invecchiato di altri capoversi della nostra sempre valida e originariamente molto ben scritta Carta fondamentale.

Anche il ministro Tremonti riconosce che questo articolo non ha mai impedito leggi di semplificazione, ma, lamenta, non ha mai neanche prodotto leggi contro la complicazione... Altre leggi per impedire i guai provocati dalle leggi esistenti? Qui, invece che fare liberalismo, rischiamo la paranoia.

Infine, in cosa dovrebbe consistere questa arma finale costituzionale contro la bulimia legislativa e il cancro delle burocrazie? Di quali parole? Chi mastica diritto lo sa, le parole sono decisive. Infatti il divino Giulio tace e non dice nulla e forse è meglio così.

Invoca un dibattito.

Bene. Se un ministro della Repubblica scrive così tanto per dire così poco, anche un povero inventore di parole come me può dire la sua.

Fra le molte iniziative che si dovrebbero intraprendere per sconfiggere la disperazione italiana, c'è anche, a mio parere, quella di restituire al popolo il potere di abolire tutte le leggi inutili, gli enti inutili, i ministeri inutili. Sperando che siano i cittadini ad abolire, al più presto, anche questa stagione di politica così chiacchierona e così ignorante di diritto costituzionale.

E qui, mi capite, non sto più parlando solo di Tremonti...


Post Scriptum

Segnalo, con piacere, che anche una delle più innovative reti di cittadinanza di cui faccio parte, Italia Futura, ha messo in evidenza quanto sia inquietanti queste tante parole con così pochi fatti...

Aggiungo anche questo graffio di scetticismo su Tremonti, lasciato da Paolo Cerasa su Cerazade: spesso chi è prolisso, finisce anche il ripetersi...

Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard