Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

martedì 8 novembre 2011

Traditi e traditori

Forse Silvio Berlusconi e il PDL, a tanti errori fatti, non avrebbero dovuto aggiungere quello di espellere, senza tanti complimenti e con modalità sostanzialmente leniniste, una intera componente, la destra neoliberale di Gianfranco Fini, dal partito e dalla maggioranza.
Tuttavia dobbiamo ammettere che le scissioni, le crisi politiche e personali, i cambiamenti di idea fanno parte della vita e quindi non possono meravigliare in politica, specie nel momento del triste tramonto di una leadership. 
A chi parla di traditori, oggi, dopo la prima vera sconfitta parlamentare di Silvio Berlusconi, mi permetto di ricordare, come ha fatto Beppe Pisanu, che i veri traditi siamo stati noi, che avevamo votato per la rivoluzione liberale e la trasformazione federale della Repubblica.
Non ci sono e non sono facilmente introducibili norme che impediscano ai membri di un parlamento il cosiddetto cambio di casacca. Se ci fossero state, però, norme anti-ribaltone, il premier, dopo aver espulso circa quaranta deputati dalla sua maggioranza, non avrebbe potuto certo arruolare i "disponibili".
Mi viene in mente un solo vero antidoto contro il trasformismo e i voltagabbana: il collegio uninominale.
Se a suo tempo Berlusconi non avesse avallato l'abolizione dei collegi uninominali, quanta meno superbia, quante meno vigliaccate, quanto tempo e quanti beni pubblici, ci saremmo risparmiati!
Come potrà ripagare la Repubblica di tutti i soldi che ci ha fatto perdere, cittadino Berlusconi?
Basta, se ne vada, a casa.


* * *

Gli undici che hanno fatto la differenza nel voto di oggi:
- deputati del Pdl: Roberto Antonione, Fabio Gava, Gennaro Malgieri, Giustina Destro (più Alfonso Papa, che però è agli arresti domiciliari;- esponenti del gruppo Misto: Calogero Mannino, Giancarlo Pittelli, Luciano Sardelli, Francesco Stagno D'Alcontres e Santo Versace;
- astenuto Franco Stradella, del Pdl

Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard