Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

domenica 6 novembre 2011

Cambiare, per restare se stessi

Il mio amico Andrea Romiti (nella foto), consigliere comunale a Livorno, ha diffuso una lettera aperta in cui spiega a che punto è il suo impegno e cosa intende fare, dopo che il PDL è abortito.
La riproduco integralmente.
E' un buon esempio di cosa hanno il dovere di fare tutte le persone serie, che hanno ancora voglia di dare e di fare, dopo un fallimento: cambiare, per restare se stesse.
Riprendo la lettera dal suo profilo Facebook.
Il testo è già stato ampiamente diffuso dai media toscani.




Lettera aperta, sabato 5 novembre 2011

Con le elezioni del 6 e 7 giugno 2009 sono stato eletto nel Consiglio comunale nella lista “Governare Livorno”. Il mio programma elettorale era quello di una rivoluzione civica e liberale, per la mia città, per la Toscana, per tutto il Paese. Arrivato alla metà del mio mandato, a quel programma voglio tornare, per essere fedele integralmente ai miei valori e per amore della mia città.
E' abortito il tentativo di costituire un gruppo consiliare unitario di alternativa civica e liberale. E' abortito il progetto politico e organizzativo del PDL. 
Non mi pento di averci provato, ma ho sbagliato. 
Ho peccato di speranza, ma ora basta.
E' necessario tornare a lavorare in modo indipendente, serio, umile, come hanno fatto e stanno facendo tantissimi leader di ispirazione civica e liberale, in Toscana e nel resto del Paese, fra i quali: l'on. Santo Versace, in Parlamento; il capo dell'opposizione a Firenze, Giovanni Galli; l'assessore Maurizio Dinelli, a Lucca.
Continuerò a mantenermi fedele al progetto iniziale del candidato a sindaco, Marco Taradash. Sono consapevole dei miei limiti, ma sono anche sicuro di voler continuare a contribuire alla vita civica e politica della mia città per costruire la Livorno del futuro senza pregiudizi, senza serbare rancori, senza alzare muri.
Tornerò al progetto iniziale della lista civica “Governare Livorno”, pronto a lavorare con tutti coloro che amano Livorno e il suo territorio, che credono in una alternativa civica e liberale, che vogliono alimentare un rinnovato spirito repubblicano, che vogliono fare le riforme che il Paese attende da oltre vent'anni.
Andrea Romiti



Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard