Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

mercoledì 16 novembre 2011

Almeno non c'è più il ministro della gioventù

Insediato il governo Monti, pieno zeppo di professori e professoresse. Persone con un bel curriculum, gente seria. Spero che si concentrino sul loro obiettivo: domare la spesa e, se possono, liberalizzare un pochino l'economia italiana.
Era necessario mandare via non solo Berlusconi, ma anche Sacconi, Matteoli, la Gelmini e tutta quella gente lì. Una piccola soddisfazione è che, almeno, non c'è più il ministro della gioventù, un equivoco che non esito a definire "fascisteggiante".
Non sono del tutto tranquillo, perché ci sono due grandi domande che sento trascurate o addirittura ignorate, nel discorso pubblico italiano ed europeo: primo, questa non è una crisi dei mercati globalizzati, ma del debito sovrano di paesi europei vecchi, fermi, indebitati fino al collo, governati da elite privilegiate e spendaccione; secondo, non esiste competenza tecnica che possa sostituire la sapienza politica, come sapevano bene Einaudi e De Gasperi, i padri della nostra Ricostruzione, insomma.
La vita purtroppo ci insegna ogni giorno che, se non ci si pone la domanda giusta, non ci sono molte speranze di trovare una risposta adeguata.
Speriamo, tuttavia, che questo governo di salute pubblica funzioni e che il Parlamento faccia qualcuna delle riforme che sono mature da decenni, ma speriamo soprattutto che i poli si riorganizzino, celebrino le primarie, si preparino per le elezioni generali.
Guardiamo avanti!

Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard