Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

lunedì 27 dicembre 2010

Sul portavoce dell'opposizione in Toscana

Un estratto della mia tesi per il master in Governance politica, che ho conseguito nel 2010 all'Università di Pisa, è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista on line Federalismi.it , la prestigiosa testata di diritto pubblico, comunitario e regionale, italiano e comparato, diretta dal prof. Beniamino Caravita.

Ecco il link al mio articolo, intitolato "Il portavoce dell'opposizione in Toscana - Origine e primi passi di un istituto innovativo".

Nella tesi di master e in questo articolo che ne è derivato, hanno trovato spazio riflessioni maturate attraverso la mia esperienza diretta, avendo chi scrive collaborato, dal 2005 al 2010, per tutta la VIII legislatura toscana, a vario titolo e in varie forme, con il primo portavoce dell'opposizione nel consiglio regionale della Toscana, Alessandro Antichi.

L'istituto del portavoce dell'opposizione è stata una delle principali innovazioni introdotte nella vita politica e istituzionale della Toscana dal nuovo statuto del 2004. L'VIII legislatura 2005-2010 del Parlamento
toscano, è stata quella del rodaggio per questa nuova figura. Ci sono stati e ci sono molti aspetti problematici, ma essa continua a esistere e, sia pure entro i limiti discussi nel mio articolo, si è persino rafforzata e sarà a nostro parere soggetta a ulteriori sviluppi.

Il portavoce dell'opposizione ha contribuito alla ristrutturazione in senso tendenzialmente bipartitico del sistema politico toscano. Questa tensione toscana verso il bipartitismo, inoltre, ha influito anche sull'evoluzione bipartitica del sistema politico italiano. Come direbbero gli istituzionalisti alla Putnam, un piccolo cambiamento formale, contribuisce a forgiare processi politici reali.

L'attuale crisi del PDL e del PD, le forze maggiori della fase politica che si sta chiudendo in Italia e in Toscana, non metterà in discussione, questa è una nostra profonda convinzione, la natura tendenza bipartitica del sistema politico e la potente richiesta di semplificazione e rinnovamento che viene dagli elettori sovrani.

Post più popolari di sempre