Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

sabato 7 luglio 2012

Toscana Pride

Ho partecipato al primo Toscana Pride a Viareggio, sabato 7 luglio 2012, con gioia, assieme ad amic* car*, e con orgoglio, dietro lo striscione di Ireos, l'associazione che in questo momento mi rappresenta e mi consente di esprimermi più compiutamente, come persona omosessuale a Firenze e in Toscana.
Lo slogan scelto per la manifestazione mi è parso molto strano, ma molto poco queer: "La Nostra Immortale Favolosità". Forse voleva forse essere autoironico, ma temo sia solo stato solo un involontario harakiri mediatico. Il documento politico della manifestazione invece è assolutamente buono, al netto di una verbosità un tantino anacronistica. Consiglio di darci un'occhiata.
Segnalo, fra gli altri, l'ottimo intervento di Mirco Zanaboni, della nostra Ireos.
Ci sono state ovviamente discussioni, polemiche e divisioni, riguardo a questo Pride toscano. Sono mancate le adesioni di parti storiche del movimento gay e lesbico toscano, come quella degli amici di Azione Gay e Lesbica Firenze, o di Luisella Audero e degli altri amici di Gaylib Toscana. Non entro nel merito del loro legittimo dissenso.
Qui mi preme solo lasciare scritto che questo raduno di diecimila persone è stato gioioso, carico di energie positive, potenzialmente capace di lanciare un messaggio di ottimismo, anche economico. Sì, in molti sensi, siamo stati a Viareggio anche per tirare la volata a una stagione fiacca, a un turismo in crisi, a una imprenditoria (del divertimento e dell'ospitalità, queer e non) a corto di risorse e soprattutto di idee.
In questo sabato non abbiamo certo posto rimedio agli errori scientifici, amministrativi e politici del parco e dei suoi burocrati, alle difficoltà e ai limiti dei governi di Viareggio e Vecchiano, alla mancanza di fantasia e coraggio - e umiltà e generosità - di tanti imprenditori e operatori del turismo, alla debolezza politica e culturale di tanta parte del nostro movimento queer.
Però abbiamo sentito parole di sana critica e autocritica, di speranza, di ottimismo.
E ce n'è, in questi anni di crisi più che mai, un gran bisogno.

* * *

Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard