Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

venerdì 27 luglio 2012

Tempi maturi


Tutti gli attuali partiti sono drammaticamente screditati. Ci si deve rendere conto della distanza siderale che c'è fra le attuali elite, fallite e fallimentari, e la stragrande maggioranza dei cittadini sovrani. I tempi sono maturi, scrive oggi sul Tirreno il mio amico Alberto Vannucci, esperto di corruzione politica, perché nuovi attori si facciano carico dell'istanza popolare di rinnovamento.

Ieri a Castiglione della Pescaia, alla Riva del Sole, Italia Futura ha dimostrato in Toscana - ma presto sarà chiaro in tutto il paese - che può diventare un punto di riferimento per un vasto movimento civico e liberale; non anti-politico ma per la buona politica; determinato a completare le riforme che il popolo vuole da decenni, per smettere di essere sudditi e diventare cittadini; moderato nei toni e pragmatico nei contenuti; trasversale rispetto agli schemi consunti dei vecchi centrosinistra e centrodestra; deciso a fare quello che promette e a rispettare la volontà popolare su tutti i temi più controversi; in concorrenza diretta con i populismi vecchi e nuovi.

Sentiti tutti gli interventi, dalla bella introduzione di Maurizio Vernassa alle appassionate - e commosse, e commoventi - conclusioni di Federico Vecchioni, ieri siamo usciti più convinti e determinati che mai della necessità di una proposta politica nuova, che ambisca a un risultato a due cifre, per le prossime elezioni politiche.

Possiamo aggregare movimenti di rottura con il "partito unico della spesa pubblica", come quello di Oscar Giannino. Possiamo unirci a importanti movimenti civici locali e regionali, promossi da persone per bene e che hanno già dimostrato di saper ben amministrare le loro comunità locali. Possiamo rivendicare, come Italia Futura, di essere stati noi a segnare la direzione giusta all'azione dolorosa ma necessaria del governo Monti, senza per questo dismettere l'ambizione di fare di più e di meglio.

Di certo dobbiamo lavorare per una rottura, una discontinuità con tutte le attuali elite politiche. Una nostra possibile lista civica nazionale potrà senz'altro farsi aiutare da qualche saggio uscente, da qualche parlamentare veramente indipendente, di alto profilo culturale, che ci aiuti dal punto di vista tecnico, ma per il resto dovrà segnare un rinnovamento integrale: grazie no, a tutti quelli che sono stati parlamentari in questi anni del fallimento di Berlusconi e di Prodi; grazie no, a tutti quelli che erano già in parlamento prima dell'avvento di Berlusconi e di Prodi. Hanno già avuto la loro occasione, hanno fallito, è giusto che passino tutti la mano, come abbiamo detto più volte, come ha ripetuto ieri Federico Vecchioni, il coordinatore nazionale e presidente toscano di Italia Futura.

Fra i tanti begli interventi di ieri a Castiglione, vogliamo ricordare quelli che abbiamo segnalato anche su Facebook: il bel richiamo all'umiltà e alla diligenza di Lapo Cecconi e l'appello di Alessia Carovani a una "welfare review" che ci renda, quanto a politiche familiari e sociali, almeno - ALMENO! - paragonabili alla Germania.

La legge elettorale? Non sarà un ostacolo. Anche se non dovesse prevalere un ragionevole compromesso su collegi uninominali veramente competitivi, un grande movimento popolare e liberale può e deve accettare la sfida. Anzi, può e deve partecipare al dibattito in corso, per propiziare regole che segnino un passo in avanti e non uno indietro, verso il passato disastroso delle preferenze.

* * *

Post più popolari di sempre