Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

mercoledì 11 luglio 2012

Da sudditi a cittadini, il programma di Italia Futura


Si è tenuta oggi a Milano la presentazione di Sudditi : Un programma per i prossimi 50 anni, il libro-manifesto dell'Istituto Bruno Leoni curato da Nicola Rossi ed edito a inizio giugno da IBL Libri.

Il libro si può acquistare online attraverso diversi canali.

Qui potete leggerne una piccola sinossi.

Sono intervenuti, presso la Sala Colonne di Palazzo Giureconsulti, in Piazza Mercanti, 2, a Milano: Rodolfo De Benedetti (Amministratore delegato, CIR), Diego Della Valle (Presidente, Tod's) e Guido Tabellini (Rettore, Università Bocconi). Ha introdotto e coordinato i lavori Oscar Giannino. E' intervenuto il curatore del volume, Nicola Rossi, che è anche il presidente dell'Istituto Bruno Leoni e il principale coordinatore dell'approfondimento programmatico di Italia Futura.

Il libro racconta un'Italia in cui lo stato è rimasto lo "Stato" con la S maiuscola, cioè il vero sovrano, mentre la sovranità dei cittadini è rimasta un miraggio. Questo, hanno detto i protagonisti dell'incontro, è  lo spread più preoccupante fra l'Italia e i suoi principali partner occidentali.

Gli autori sono: Silvio Boccalatte, Luigi Ceffalo, Natale D'Amico, Alessandro De Nicola, Franco Debenedetti, Giampaolo Galli, Pietro Ichino, Maria Leddi, Pasquale Medina, Lucia Quaglino, Giorgio Rebuffa, Fabio Scacciavillani, Manuel Seri, Serena Sileoni, Carlo Stagnaro, Marianna Vintiadis ed Enrico Zanetti.

Questo libro è una occasione importante per riunire coloro che, magari partendo da posizioni politiche e culturali molto diverse, hanno comunque capito alcune cose che potrebbero unirli in un programma a lungo termine di riforma e di ricostruzione delle comunità locali, delle regioni, della Repubblica, dell'Unione Europea:
- che quella che stiamo vivendo è una crisi che durerà anni e da cui si uscirà molto lentamente, attraverso un drastico ridimensionamento del peso delle grandi burocrazie pubbliche (quelle europee comprese), che attualmente grava sulle spalle dei produttori;
- che l'austerità va diluita in un tempo lunghissimo, che si misurerà in decenni;
- che l'austerità è necessaria, perché l'alternativa, l'inflazione strisciante o magari galoppante, sarebbe ben più iniqua;
- che ciò che aspettiamo da decenni, meno tasse sul lavoro e più tasse sulle cose (specie quelle lasciate improduttive, come la manomorta pubblica) e sulle case (specie quelle vuote e abbandonate), è ineludibile;

- che la distribuzione dei sacrifici richiederà una grande prudenza, una salomonica saggezza e soprattutto una profonda conoscenza della vita reale e dei problemi dei ceti più deboli, oltre a una sincera compassione verso coloro che sono veramente in pericolo, perché estranei al sistema di privilegi del vecchio stato sociale - i portatori di diversità, le famiglie monoparentali, i giovani laureati ignoranti e quelli masterizzati in argomenti inutili, i piccoli imprenditori, i custodi di mestieri antichi e saperi tradizionali, gli esperti di territorio e natura, gli inventori e gli innovatori;
- che non è la fine del mondo, ma sicuramente l'inizio della fine delle cose cresciute troppo - quelle mostruosità troppo grandi persino per essere lasciate fallire (i cosiddetti Too Big To Fail);
- che chiunque voglia vendere la storiella che è sempre colpa di qualcun altro - dell'Euro, della Germania, dell'Inghilterra, di Prodi, delle banche, dei commercianti, di chissà chi - non è nient'altro che l'ennesimo imbroglione che tenta di carpire, ancora una volta, la nostra fiducia;
- che non ci sarà mai più crescita senza profonde liberalizzazioni, che includono anche l'introduzione di maggiore competizione e meritocrazie in tutti i settori, a partire da quelli che assicurano i servizi pubblici universali.
E tante altre cose importanti, sul territorio, sulla produzione, sulla formazione professionale, sul rilancio del lavoro manuale, sul dimagrimento della burocrazia, sul rilancio del civismo, sulla riscoperta di una buona politica, che, per l'appunto, stanno trovando spazio nel lavoro di Italia Futura.

Post più popolari di sempre