Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

sabato 30 luglio 2011

Il profumo del Libano

Nel Cantico dei Cantici, il Libano è il paese da cui scendono le acque più fresche, il vento più profumato, la promessa di felicità, l'amore che ti riempirà la vita.

Vieni con me dal Libano! (Cantico 4:8)

E' stato il Libano il primo paese arabo a vivere una sua primavera, nel 2005, la Rivoluzione dei cedri. Se riuscisse, ancora una volta, a svincolarsi dall'abbraccio mortale di Hezbollah, dal Libano potrebbero arrivare le energie necessarie per dare inizio a una nuova era nel Levante, nell'intero Medio Oriente. Israele e gli Arabi Palestinesi di Gaza e Cisgiordania potrebbero finalmente mettere in atto i compromessi territoriali e politici che sono maturi da tempo. La Giordania e l'Egitto potrebbero rafforzare la propria evoluzione democratica. Migliorerebbero le condizioni di vita dei cristiani e di tutte le minoranze nell'area. Potrebbero aprirsi persino in Siria degli spiragli di transizione nonviolenta verso un regime meno illiberale.

Il re Salomone si è fatto una lettiga
di legno del Libano. (Cantico 3:9)
 
Il Tribunale Speciale per il Libano, istituito dalle Nazioni Unite, ha indagato a lungo sull'attentato di S.Valentino del 2005, in cui perse la vita, insieme con altre decine di concittadini, il politico e imprenditore Rafic Hariri, uno dei protagonisti della ricostruzione del paese dopo la guerra civile. Sul sito del Tribunale compaiono i nomi e le foto dei quattro principali accusati di quel crimine efferato.

Gli accusati godranno di un processo giusto, qualcosa che la loro parte politica, l'islamofascismo, ha sempre negato a tantissime persone musulmane, cristiane ed ebree, alle donne e agli omosessuali, alle vittime del loro terrorismo e della loro violenza politica e militare.

Seguo questa vicenda con partecipazione, grazie anche alle preziose note di Mustapha, il blogger di Beirutspring.com.

Il trionfo della verità e della giustizia sarebbe l'acqua che potrebbe restituire al Libano il vigore necessario per proseguire il suo difficile cammino verso la libertà, la riconciliazione, lo stato di diritto, la pace interna e con i suoi vicini.

Tu sei una fontana di giardino,
una sorgente d'acqua viva,
un ruscello che scende giù dal Libano. (Cantico 4:15)

Nell'agosto del 2006, nel bel mezzo degli attacchi missilistici di Hezbollah contro la Galilea e della dura risposta militare di Israele, volli a tutti i costi andare a Gerusalemme. Nonostante la guerra, alcuni degli eventi del World Gay Pride, soprattutto quelli dedicati alla riconciliazione fra fede e omosessualità, non erano stati cancellati.

Mai in vita mia, neppure nella dissoluzione jugoslava o nella Russia post-sovietica, ero andato così vicino a una guerra. Non ricorderò però tanto i momenti di paura, quanto un paio di serate passate, in un piccolo bar gay di Gerusalemme, a bere qualcosa e a chiacchierare con arabi ed ebrei profughi della Galilea distrutta dai missili di Nasrallah, con gay arabi ed ebrei in fuga dal fondamentalismo e dall'omofobia, con persone di fede ebraica, musulmana e cristiana, in cerca di libertà e rispetto.

Insieme, in pace, felici, anche se solo per poche ore, nascosti in un bar. Noi, ne sono convinto, in quei momenti, eravamo un seme di speranza, noi eravamo il Libano, noi eravamo il Medio Oriente che vive e che sarà.

Sposa mia, le tue labbra stillano miele,
miele e latte sono sotto la tua lingua;
l'odore delle tue vesti è come l'odore del Libano. (Cantico 4:11)

Sposo mio, le tue gambe sono colonne di marmo,
fondate su basi d'oro puro.
Il tuo aspetto è come il Libano,
superbo come i cedri. (cfr Cantico 5:15)

* * *

Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard