Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

mercoledì 27 luglio 2011

Monta qui che vedi Lucca

Monta hi ttu vedi Lucca
Monta hi la vedi tutta


Fra le tante sfumature di questo modo di dire toscano, c'è anche il significato di un invito, come sempre ironico e autoironico, a stare attenti a non pretendere cose impossibili e comunque a non esagerare.

Eppure oggi Lucca sta per diventare il simbolo di qualcosa di assolutamente possibile.

Un drappello - non importa quanto piccolo - di cittadini impegnati, sia di ispirazione democratica, che di ispirazione liberale, possono fare delle elezioni comunali del 2012 un momento emblematico per il rinnovamento della politica locale, regionale e forse anche nazionale.

Sia la parte democratica, che la parte liberale, possono e allora devono prepararsi alla scelta dei loro candidati alla carica di sindaco attraverso delle primarie. Potrebbero e quindi dovrebbero farle in contemporanea, magari a tappe, quartiere per quartiere, frazione per frazione. E' l'ora di finirla di essere liberali, o democratici, solo a parole!

Per i democratici sarebbe la conferma di un processo di cambiamento già avanzato. Per la parte civico-liberale, per il mondo che fa riferimento al popolarismo europeo, per il centrodestra, le primarie sarebbero una coraggiosa prima volta e un modo per reagire a una situazione di divisione, crisi, arretratezza culturale e politica.

Una selezione dal basso dei candidati a sindaco ispirerebbe coraggio e freschezza nella vita della città.

La competizione farebbe emergere non solo il prossimo sindaco, ma anche una serie di volti nuovi, una nuova generazione di leader per la comunità.

La bellezza delle primarie e la sportività della competizione uninominale diventerebbero un incoraggiamento al legislatore toscano, affinché sia fatta la promessa riforma elettorale uninominale per il consiglio regionale, con la cancellazione delle odiate liste bloccate, senza il ritorno delle vecchie clientelari preferenze.

Lucca potrebbe dare una sveglia alla Toscana e la Toscana a sua volta potrebbe dare una sveglia a Roma, perché si taglino i costi della politica e si dia il via alla competizione per un ampio rinnovamento delle elite dirigenti.

Restiamo in contatto, prepariamoci ad agire. E' il momento giusto, per cambiare.




Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard