Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

sabato 9 luglio 2011

The verge of independence

Il Sud Sudan è da oggi, sabato 9 luglio 2011, uno stato indipendente.
Le memorie dei suoi intellettuali e le dichiarazioni dei suoi leader ci raccontano una semplice ma importante verità. Non siamo di fronte all'affermazione dell'autogoverno di una madreterra o di una patria, ma alla nascita di un nuovo contesto federale per molte nazioni e territori diversi.
Un nuovo ordinamento, si spera, più democratico e più rispettoso dei diritti umani, delle tradizioni locali, della libertà religiosa.
L'intero Sudan avrebbe potuto diventare una federazione? Forse, se non fosse stato travolto dalle ideologie nazionalsocialiste, dalle paranoie dell'islamofascismo, dalla sete di potere delle elite stanziate a Khartum.
Ora tocca al Sud animista e cristiano provarci, da solo, in un contesto più limitato, con un numero più circoscritto di territori e nazioni.
Auguri!

L'indipendenza è, per i territori, ciò che per gli individui è la libertà, una necessità talmente evidente da poter essere chiamata naturale, normale, o anche provvidenziale.
E' una esigenza incomprimibile, tanto meno nella globalità e nella socialità contemporanea, in cui è sempre meno accettabile, per masse crescenti di cittadini attivi, che così tanti stati moderni siano ancora delle vere e proprie "prigioni di popoli".


Molti degli stati artificiali moderni dovranno rifondarsi sul federalismo fra i territori e sulla libertà per gli individui e le loro formazioni sociali, oppure affrontare drammatici processi di disintegrazione che tuttavia, personalmente, nei miei studi, non esito a definire salutari.

La CNN ha scelto, per raccontare questo evento, una espressione curiosa e leggermente ambigua: the verge of independence.

La parola inglese "verge" rappresenta sia la speranza, che la paura, che la grande fatica, tanti sentimenti che si mescolano e che attendono tutti i protagonisti al varco di questo evento.

Ci siamo divertiti a estrarre da un dizionario inglese online alcuni degli usi possibili della parola "verge":

ciglio
bordo
sponda franosa
soglia (dell’adolescenza)
punto (di morte)
orlo (della bancarotta)
confine sfiorato (del ridicolo)


Un pochino perfido il titolista della CNN, vero?


Per noi intanto continua la riflessione che avevamo abbozzato nei nostri studi universitari degli anni '90, continuato negli anni 2000 e che ora cercheremo di portare a termine nel dottorato di Geopolitica: la disintegrazione può essere speranza, nel mondo globalizzato, Disintegration can be Hope.



Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard