Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

venerdì 8 luglio 2011

Mentre tutto passa, noi restiamo liberali

Berlusconi e il suo "Mini-Me" dal volto umano, Alfano, si autoaffondano. Formigoni-Firmigoni ci appare sfigurato. Anche Tremonti è irriconoscibile, sembra quasi Scajola, o forse Verdini.

Del Popolo della Libertà resterà poco più che il ricordo delle sue ragazze ragazze (come la Minetti) e dei suoi velini (come il Capezzone).

Mentre tutto passa, noi restiamo dove siamo sempre stati, dalla nostra parte civica e civile, ancorati ad autentici valori liberali:

Signor Presidente, care colleghe e cari colleghi, ritengo che per il credente la sua vita appartenga a D-o. Chi non ha la fortuna di avere la fede è convinto che la sua vita appartenga a lui stesso. Ma su una cosa entrambi concordano: nessuna persona o gruppo di persone ha il diritto di interferire nel rapporto fra loro e la loro vita.

Così, alla Camera, Antonio Martino, ex ministro, tra i fondatori di Forza Italia, economista liberista, intellettuale liberalconservatore. Si sta discutendo il mostruoso progetto di legge sui trattamenti obbligatori da infliggere alle persone morenti imprigionate negli stati vegetativi artificiali.

Post più popolari di sempre