Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

domenica 4 marzo 2012

Il voto coi piedi

A giudicare dalla gente che affolla i centri commerciali aperti la domenica, direi che il popolo ha votato con i piedi a favore delle aperture domenicali.
Oggi ne ho visitato uno anch'io.
L'ho trovato pieno come non lo avevo visto da tanto tempo.
Tante famiglie con bambini.
Tanti handicappati in sedia a rotelle.
Tanti immigrati.
E poi persone di ogni ceto, età, provenienza.
Sono e resto un critico del consumo di territorio, dello spreco energetico, della massificazione, del consumismo, tutte cose che i centri commerciali, pianificati male dai poteri pubblici e costruiti peggio dagli speculatori privati, portano inevitabilmente con sé.
Però...
Però una domanda oggi mi risuonava nella testa.
Dove altro dovrebbero andare, in queste domeniche ancora fredde, in questi tempi così difficili, famiglie con bambini, disabili, immigrati?
Non certo nei nostri centri storici, resi purtroppo inaccessibili e costosi, dalla manomorta pubblica e dal parassitismo privato.
Come mi sono sembrate astratte oggi, in mezzo al popolo, le parole di tanti politici, sindacalisti, ecclesiastici, contro le aperture domenicali.
Anzi, posso dirlo? Mi sono sembrate oscenamente lontane dai bisogni reali del popolo.

Ciascuna persona - la più umile non meno della più affluente - vuole uscire, è attratta dalla confusione, cerca l'occasione, afferra l'attimo.
La gente vuole essere libera di vivere, di lavorare, di sbagliare.
E' così difficile da capire?

Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard