Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

sabato 25 giugno 2011

Futuro e libertà con Massimo Balzi

Alle poche amiche e ai pochi amici che mi seguono sul blog, in particolare all'acutissima Manuela C., cittadina, donna, madre, attaccata alle nostre istituzioni, fedele ma non acritica elettrice del centrodestra, devo da tempo qualche riflessione in più sulla mia vicinanza e collaborazione con Futuro e Libertà di Pisa.
Oggi, appena tornato dalla celebrazione del I congresso provinciale pisano della nuova formazione politica, posso articolarne qualcuna, in modo sommario, necessariamente schematico:
- sono e resto un intellettuale indipendente, in cerca di una svolta popolana e libertina in Toscana; sono e resto corresponsabile di averci provato seriamente con il PDL; ci ho messo del tempo a capire che nessuna delle promesse europee e nazionali, toscane e locali, sarebbe stata mantenuta, nel contesto berlusconiano e berlusconista;
- appoggio Futuro e Libertà Pisa perché è un gruppo di persone in gamba, intelligenti e per bene, guidate da Massimo Balzi, un uomo geneticamente liberale, liberale di pancia, liberale di sangue, un mazzeiano prima ancora che un mazziniano; li appoggio perché in pochi mesi hanno dimostrato che si possono avere ancora regole interne, un bilancio pubblico, un tesseramento pulito, un congresso celebrato con tutti i crismi; tutte cose che nel PDL erano state cancellate manu militari in nome di una presunta fedeltà al leader Silvio Berlusconi e ai suoi rasputin.
Comunque vada la sfida politica fra i leader nazionali, questa FLI Pisa è una onorata tribù di persone vere, che resteranno protagoniste del cambiamento e del rinnovamento della politica nella nostra bella città universitaria e in tutta la Toscana.

Oggi queste amiche e questi amici, dopo la celebrazione di un piccolo ma a suo modo storico congresso, nella suggestiva location pisana, fra piazza dei Miracoli e S.Rossore, dell'Abitalia Tower Plaza Hotel, come loro primo atto pubblico hanno voluto diffondere un messaggio in cui dimostrano cosa significa essere cittadini sovrani e borghesia riformatrice, in cerca di una Repubblica migliore per noi Toscani, per tutta l'Italia, per l'Europa e per la pace internazionale. Lo riproduco integralmente, perché ne resti un nitido ricordo:


Futuro e Libertà Pisa

Sabato 25 giugno 2011

Riuniti nel I Congresso di Futuro e Libertà della provincia di Pisa, su sollecitazione della senatrice Francesca Scopelliti, esprimiamo preoccupazione per il sovraffollamento delle carceri, che è una realtà anche in Toscana e a Pisa, e solidarietà alla battaglia nonviolenta in cui si è speso personalmente, fino a mettere in pericolo la propria vita, il leader radicale Marco Pannella.

Futuro e Libertà, come grande movimento popolare e liberale del centrodestra europeo, conosce le sofferenze dei detenuti in attesa di giudizio; delle vittime delle lentezze giudiziarie; di coloro che sono in carcere a causa di una abnorme moltiplicazione e sovrapposizione di leggi penali.

Impegniamoci perché queste sofferenze siano alleviate, attraverso riforme serie; attraverso quel programma di edilizia carceraria che è stata un'altra delle promesse tradite del berlusconismo; ma anche chiedendo che sia valutata la possibilità, per far fronte all'ennesima emergenza, di un provvedimento di clemenza.

Massimo Balzi, coordinatore provinciale neoeletto


* * *

Questa è la politica di cui sono orgoglioso e che, a mio modesto parere, ci rende orgogliosi del nostro spirito repubblicano pisano e toscano, della nostra identità italiana ed europea, della nostra fedeltà ai valori fondanti dell'Occidente.

Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard