Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

mercoledì 22 giugno 2011

Con Marco Pannella, per l'amnistia

Foto da: http://www.soprattutto.co/2013/02/20/attualita/politica-interna/amnistia-per-la-repubblica/


Sono passati ben cinque anni dal provvedimento di clemenza adottato nel 2006, su proposta del guardiasigilli Clemente Mastella, con un voto bipartisan del Parlamento italiano, per svuotare le sovraffollate, vecchie, sporche, disumane carceri di questo stato, di cui finiamo sempre per vergognarci.

Da allora né il caravanserraglio dell'Unione, al governo fino al 2008, né la paranoica maggioranza del IV governo Berlusconi, al governo negli ultimi tre anni, sono riusciti a cambiare il terrificante status quo.

Non è stata fatta alcuna seria depenalizzazione, né si sono sviluppate pene alternative al carcere.

Non si è fatto alcun importante investimento in una nuova edilizia carceraria o, come sarebbe stato ancora più necessario, in una reale separazione, anche fisica, fra detenuti in attesa di giudizio e condannati definitivamente.

Non si è portato avanti alcun dibattito credibile sulla certezza dei tempi dei processi e, di conseguenza, delle pene.

Si è lasciato che i carceri si riempissero di immigrati, drogati e altri disgraziati.

Datevi una mossa, voi tutti che siete in Parlamento!

Da anni non sopporto più Marco Pannella, ma ancora una volta sto con lui.

Non sono sempre d'accordo con gli amici Radicali, ma se non esistessero andrebbero inventati.

Per l'amnistia, subito.

Per salvare quante più vite possibile, prima che arrivi il generale agosto, il più crudele nelle carceri, soprattutto per chi è in attesa di giudizio.

Per salvare, non questo stato criminogeno, non questa politica impotente, ma almeno il nostro onore di cittadini sovrani e difendere i nostri comuni ideali repubblicani.


* * *

Per approfondire:


http://politica.avvenirelavoratori.eu/2011/06/la-lotta-di-pannella-per-lamnistia-e-la.html

http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/11_maggio_19/protesta-carceri-sciopero-fame-deleo-190686366677.shtml

http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/06/21/lo-sciopero-di-pannella-e-le-ferie-della-rai/121382/



Per ricordare come si siano persi cinque anni:

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Editoriali/2005/12_Dicembre/12/amnistia.shtml


* * *

PS del 25 luglio 2013: Sono passati altri due anni. Persi anche quelli. Che S.Giacomo maggiore protegga tutti coloro che passeranno un'altra estate ingiustamente in carcere, ingiustamente in attesa di giudizio (Nda).

Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard