Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

sabato 17 gennaio 2015

Una notte dedicata al popolo toscano


Bella iniziativa dell'ARCI Toscana stasera, la Notte Rossa.
Coincide anche - non so se volutamente - con la festa tradizionale di S.Antonio abate, protettore amato nelle nostre tradizioni popolari.
In quasi 200 case del popolo ci saranno eventi speciali e si potrà mangiare, bere e stare insieme fino a tardi, spendendo il giusto.
Anche Il Tirreno ha dedicato una bella pagina all'evento.
Le case del popolo sono state un punto di riferimento per borgate e borghi toscani, nei decenni drammatici della modernizzazione e della distruzione delle nostre tradizioni, dei nostri legami sociali, del nostro patrimonio culturale e ambientale. Sono rimaste tali lungo tutto la nostra storia recente, specialmente nei momenti di crisi politica e istituzionale. In questi ultimi anni, le case del popolo e i circoli analoghi sono fra i pochi luoghi rimasti, dove si può ancora discutere di superamento della partitocrazia, di primarie, di rinnovamento, dal basso, della vita pubblica.
Hanno bisogno di rinnovamento e cambiamento, dall'interno, prima di tutto.
E di leggi migliori, che consentano loro di esistere come luoghi di socialità e di cultura.
E di una centralità nel territorio, che può essere garantita ai circoli solo da un rinnovamento politico fondato su una maggiore partecipazione popolare.

Post più popolari di sempre