Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

venerdì 23 gennaio 2015

Il mitico Vincenzo D'Anna, l'ultimo giapponese


Il mitico, ironico e auto-ironico, senatore Vincenzo D'Anna, in senato, in questi giorni, è diventato, da campano che è, un vero ultimo giapponese in difesa del diritto e di una cultura giuridica che esige, prima di tutto, leggi semplici, chiare, leggibili da tutti. Mette, spesso e volentieri, il dito nella piaga di come è stato malamente scritto l'Italicum-Espositum. Il suo forte accento e la sua straordinaria cortesia da vecchio signore napoletano, lo rendono, se possibile, ancora più irresistibile delle sue battute contro i cialtroni e gli stregoni che purtroppo stanno minando, dall'interno, questo disperato tentativo di riformare il paese. Purtroppo la nuova legge Renzi-Berlusconi - per colpa dei loro azzeccagarbugli, temo e, per carità toscana non farò nomi, non ora almeno - sta per essere partorita con un metodo assurdo e incomprensibile di ripartizione dei seggi, in un collegio unico nazionale in cui si dovranno fare calcoli da paura. Come ne usciremo? Siamo ancora in tempo a correggere! Altrimenti ci faremo male.

Post più popolari di sempre