Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

venerdì 4 ottobre 2013

19 comuni toscani al voto

Domenica 6 e lunedì 7 ottobre 2013, in 19 comuni della Toscana, si celebrano referendum sull'unificazione.
L'unificazione fra piccoli comuni vicini è l'unico vero cambiamento che sia partito, in questa repubblica bloccata e morente.
E' l'unica rivoluzione dal basso che sia, al momento, possibile. Dopo tanti anni di appelli civico-liberali, oggi, finalmente, questo messaggio è stato recepito trasversalmente e persino nei ceti politici.
La formazione di comuni più ampi e più forti in Toscana è un prerequisito fondamentale, per portare avanti la battaglia contro lo status quo, per l'abolizione delle province, delle prefetture, di tanti inutili enti intermedi.
Non è solo lotta ai costi impropri della politica, o alle burocrazie, è molto di più: è la riaffermazione della centralità dell'autonomia di ciascuno dei nostri borghi e, al tempo stesso, della necessità di governare unitariamente i territori che formano la Toscana.
Certo, ci sono anche rischi e problemi.
Ne riparleremo.
Ma intanto, Toscan*, votate.
Cominciamo a cambiare qualcosa.










Post più popolari di sempre