Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

sabato 10 dicembre 2011

La riforma toscana in 10 punti e 250 parole

1. La Toscana può dare un segnale di rinnovamento, varando, magari prima del referendum 2012, una legge elettorale regionale fondata sulle primarie obbligatorie e sui collegi uninominali.
2. Così il legislatore toscano restituirebbe al popolo sovrano il potere di scegliere la persona, non solo il partito.
3. L'abolizione delle vecchie preferenze all'italiana, nel 2004, fu senz'altro nobile, ma le liste bloccate e le primarie facoltative non sono state una risposta adeguata.
4. Nel 2015 è prevista l'elezione di 40 consiglieri regionali toscani: un'assemblea più piccola, che vogliamo più autorevole e rappresentativa.
5. Proponiamo almeno 24 collegi uninominali, disegnati in modo da garantire rappresentanza anche ai territori più periferici e meno popolati.
6. In ciascun collegio vorremmo un turno di elezioni primarie aperte, contestuali, obbligatorie per tutti.
7. Al turno successivo, e decisivo, in ciascun collegio, ciascun partito sarebbe rappresentato dal suo candidato più votato alle primarie.
8. In ciascun collegio verrebbe eletto il candidato più votato.
9. Tutti i voti, inoltre, opportunamente ponderati in base alla popolazione di ciascun collegio ed eventualmente scorporati dei voti del vincitore di collegio, confluirebbero in un collegio unico regionale, dove assegnare altri 16 seggi, con metodo proporzionale, come avveniva, per esempio, per le elezioni del Senato con il Mattarellum.
10. Gli eletti di questa parte proporzionale potrebbero essere, per ciascun partito, i candidati meglio piazzati nei collegi, oppure quelli indicati dal partito stesso in una lista regionale, magari con riserve a favore della rappresentanza dei generi e delle generazioni.

* * *

Queste sono le nostre idee per una riforma toscana fondata su primarie obbligatorie, sulla bellezza del collegio uninominale, con un giusto recupero proporzionale. I principi che proponiamo rendono gli elettori protagonisti della vita dei loro partiti, incoraggiano la formazione di grandi formazioni politiche aperte e inclusive, non costringono a coalizioni artificiali o strumentali, assicurano un principio maggioritario temperato dal diritto di tribuna per tutte le forze significative. Seguici su questo blog e aderisci al nostro gruppo Facebook per la riforma toscana. Ti aspettiamo!

Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard