Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

giovedì 13 novembre 2014

Il vizio della lotteria

L'Italicum proposto da Renzi e da Berlusconi ha di certo alcuni pregi che lo rendono preferibile all'attuale sistema.
Ha anche dei seri limiti e purtroppo, mi pare, ai più stia sfuggendo quale è il pericolo più grave nascosto nei dettagli della proposta di riforma della legge elettorale della camera dei deputati.
Faccio appello a Matteo Renzi, a Roberto Giachetti, a Dario Parrini, ai leader toscani e nazionali che possono influire in questa fase, perché sia posto rimedio all'errore della lotteria unica nazionale.
La maggior parte dei seggi deve essere distribuita direttamente nei collegi locali. I candidati che localmente hanno i voti necessari devono poter essere eletti nella loro circoscrizione.
Devono poter vincere anche candidati indipendenti o quelli espressi di forze locali, se sono sufficientemente forti.
Solo i resti e solo una parte dei seggi devono essere gestiti nel collegio unico nazionale.Pretendere di distribuire su base nazionale tutti i seggi, invece, produrrà plotoni di deputati senza radicamento territoriale, senza forza politica, senza autonomia di giudizio.
Forse saranno ubbidienti, ma davanti alle difficoltà si riveleranno deboli, e alla prima occasione si tramuteranno in traditori - come e peggio dei deputati eletti con il Porcellum.
Correggiamo questo grave vizio dell'Italicum, finché siamo in tempo.

Post più popolari di sempre