Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

sabato 22 novembre 2014

Confiscati e abbandonati, anche in Toscana

Il TGR, che non è certo una testata anti-sistema, ha spiegato abbastanza bene, in un suo servizio di oggi, sul suo settimanale, come funzionano le cose nell'inutile e costoso verticismo italiano. Inutili agenzie, comitati e unità romane controllano e paralizzano, mentre in periferia regnano l'abbandono e l'incuria. Che questo meccanismo di irresponsabilità e spreco tipico dello statalismo italiano, si applichi anche al tema delicatissimo dei beni confiscati alla mafia e poi abbandonati dallo stato, anche qui in Toscana, è particolarmente doloroso e offensivo, per tutti i cittadini onesti che, da decenni, lottano a costo di grandi sacrifici anche personali, contro la criminalità organizzata.

Post più popolari di sempre