Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

mercoledì 6 marzo 2013

Riforma toscana, ultima chiamata?


Per la riforma elettorale toscana, qui, ora


E' il momento di riprendere il lavoro per il varo della riforma elettorale toscana.
Non faremo polemiche sul tempo che è trascorso, né sul segnale che si poteva dare all'intero paese prima delle elezioni politiche, e che è mancato.
Si è assolutamente in tempo a mantenere la doppia promessa più volte fatta dal governatore Enrico Rossi: cambiare la legge elettorale per restituire al popolo toscano il potere di scegliere le persone e non solo le liste, e riuscire a cambiarla prima di Roma.
Chi scrive non ha mai ceduto, sia chiaro, alla tentazione di accomunare la legge toscana al Porcellum, ma è evidente che per il superamento delle liste bloccate, né a Firenze, né a Roma si può attendere oltre.
Portiamo all'attenzione dei legislatori toscani, degli osservatori più appassionati e competenti, dell'intera opinione pubblica, cinque punti di compromesso che ci sembrano, da tempo, più maturi:
  • restare fedeli alla scelta storica di abolire le vecchie preferenze facoltative all'italiana, per scongiurarne i disastrosi effetti, passati e presenti;
  • restare fermi sul maggioritario, pur mantenendo un diritto di tribuna per forze minori che superino soglie significative; diciamo più vicine al 10 che al 5%;
  • eleggere con il sistema uninominale la maggior parte dei 40 membri del prossimo consiglio toscano; per disegnare con equità le circoscrizioni si potrebbe partire, ad esempio, dai 29 collegi del Mattarellum;
  • istituzionalizzare un turno generale di primarie obbligatorie e contestuali per tutti; sarà un contributo originale toscano alla elaborazione di uno statuto pubblico dei partiti, alla democratizzazione di tutte le organizzazioni politiche, vecchie e nuove;
  • aprire alla possibilità del doppio turno per l'elezione del presidente e dei membri del consiglio, in modo da rafforzare l'autorevolezza e l'indipendenza reciproca dei due poteri.
Ci serve un sistema elettorale semplice, comprensibile ai cittadini sovrani, competitivo, fondato sulla centralità dei territori, sul valore delle persone, sulla omogeneità delle proposte di governo.
Legislatori della Toscana, tocca a voi.

Mauro Vaiani


Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard