Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

mercoledì 11 novembre 2015

No alla schiavitù

Fonte: http://www.diocesiprato.it


Il vescovo di Roma, papa Francesco, è venuto ieri a Prato, in questa estate di San Martino, portando una ventata di aria fresca.
Parlando dal bel pulpito di Donatello, ha ricordato un messaggio evangelico che è sempre più urgente nella società globalizzata: no alla schiavitù e dignità per tutti i lavoratori.
Si può anche rifiutarla, questa antica dottrina sociale, ma se la si abbraccia, ci sono delle conseguenze:
- il lavoro nero è un peccato mortale;
- le morti bianche gridano vendetta al cospetto dei cieli;
- deve esistere un salario minimo (la giusta mercede della tradizione!);
- il salario minimo deve valere per tutti;
- il lavoro manuale, festivo, notturno, più duro e più usurante, deve essere compensato meglio del lavoro impiegatizio;
- si devono diminuire i posti di lavoro dirigenziali, che sono troppo spesso burocratici e improduttivi;
- se si impiega un immigrato, gli si devono riconoscere gli stessi doveri e diritti di ogni altro lavoratore;
- chi ha perso o non trova un lavoro con le proprie forze, deve essere inserito in un programma di lavoro socialmente utile;
- con il salario minimo un genitore deve poter mantenere se stesso, il proprio congiunto, i propri figli (almeno tre!);
- deve esistere una pensione minima per tutti gli anziani, con i quali essi possano mantenersi;
- devono esistere servizi pubblici universali, disponibili per tutti a un prezzo compatibile con il salario minimo.
Quanti di questi undici principi, stanno ispirando concreti progetti politici di cambiamento?
Quante di queste undici aspirazioni sono possibili nell'Italia centralista e sotto la tecnocrazia che attualmente governa l'Eurozona?
Che fare, per essere all'altezza di questi principi?

* * *

Per approfondire, a questo link della chiesa cattolica di Prato, trovate il testo del discorso del papa

Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard