Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

sabato 21 novembre 2015

Captagon, la droga del Jihad


I perdenti radicali omicidi e suicidi si ammantano di richiami alle sofferenze storiche della nazione araba e di solenni versetti del Corano, ma in realtà si finanziano, si armano, si eccitano grazie a un modernissimo traffico di droga e armi.
Spiccano, in questo quadro, le notizie sul famigerato captagon, la droga che pare infondere un coraggio sovrumano e liberare una attitudine sanguinaria.
Una cosa non molto coranica, non molto religiosa, mi permetto di dire.
Un assaggio della complessità, ma anche della stupefacente modernità della situazione, ce lo ha dato oggi la rassegna di geopolitica di Radio Radicale, che è disponibile anche in podcast:
https://www.radioradicale.it/rubriche/rassegna-di-geopolitica/podcast
Dietro il nichilismo islamista, ci pare, si intravedono produttori e consumatori di anfetamine illegali, mercanti di petrolio e di schiavi, cialtroni e criminali di tutte le nazionalità, culture e religioni.
Non è che nella cultura e nella religione islamica non ci siano serie degenerazioni - come giustamente ho sottolineato al mio amico Giovanni Fontana - ma, seguendo la lezione di Oliver Roy e di Hans Magnus Enzenberger, occorre fare attenzione al pregiudizio culturalista.
Ciò che si presenta in superficie come un fenomeno culturale arabo e religioso islamista, potrebbe essere nel profondo una frattura ben più materiale, provocata e aggravata oggi, non risalente a un passato più o meno lontano.
Stiamo parlando del neocolonialismo in Medio Oriente, Maghreb, Sahara, Corno d'Africa (in particolare americano, francese, inglese, ma anche saudita, iraniano, russo e turco), che continua a devastare tutto ciò che sta sull'altra sponda del Mediterraneo.
Riconosciamo alle autorità italiane, in particolare al giovane premier italiano Matteo Renzi, di essersi poste con la giusta cautela di fronte a questa dolorosa e complessa realtà.
L'Italia non è complice, se non marginalmente, di operazioni neocoloniali.
Speriamo si continui così.



Fonte: http://www.nextquotidiano.it/captagon-la-storia-della-droga-usata-dagli-jihadisti/


Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard