Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

giovedì 17 aprile 2014

Servire è cambiare

Entro nel Triduo pasquale con la convinzione profonda che chi vuole servire la sua comunità, deve prima di tutto accettare di cambiare davvero. Servire, nella vita pubblica, nel lavoro civico, nell'impegno civile, è cambiare, cambiare, cambiare, rompere finalmente lo status quo. Mentre mi inchino anch'io a lavare i piedi di chi ha bisogno, in questo Giovedì santo, voglio rilanciare alcune riflessioni che la mia amica Stefania Saccardi - la vicepresidente toscana - ha condiviso nelle ultime occasioni pubbliche in cui la ho ascoltata - ultima la sera del 2 aprile scorso nel bel salone comunale di Prato, in sostegno a Matteo Biffoni, rafforzando il senso degli impegni assunti dal nuovo governo Renzi e dal nuovo ministro Giuliano Poletti.
Le cose che Stefania Saccardi ripete sono semplici e chiare: la nostra solidarietà toscana è un dono generoso, ma è anche un impegno esaltante per spingere ciascuna persona a costruire o ricostruire la propria autonomia.
La Toscana dona e in cambio pretende, da ciascun beneficiato, impegno, formazione, cooperazione.
A ciascun contributo sociale deve corrispondere un impegno a restituire alla comunità, ciascuno come sa e come può.
Impariamo da tanti anziani, spesso i più poveri e più deboli, che si mettono in fila pur di restituire al loro borgo, alla loro comunità, un po' di lavoro socialmente utile.
Impariamo da tanti immigrati, che si spezzano la schiena, pur di costruirsi una nuova vita, lottando e resistendo a soprusi di ogni tipo, per restare o per tornare al più presto nella legalità.
Impariamo da tanti cinquantenni vittime della crisi, che accettano lavori anche più umili e meno pagati di quelli che avevano prima, pur di conservare la dignità.
Noi, cittadini liberi, persone comuni, ci crediamo ancora.
Resistiamo, restiamo qui, stiamo vicini.
Auguri di una Pasqua gioiosa.

Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard