Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

giovedì 24 aprile 2014

Liberiamoci del Senato

Confidiamo nella tenacia di Matteo Renzi, ma anche in un supplemento di umiltà di tutte le persone che lavorano attorno a lui come mediatori, esperti, sherpa. Dobbiamo trasformare il Senato della Repubblica nel Senato federale.
Nel nuovo senato devono sedere rappresentanti di tutte le unità federali della Repubblica stessa: le 19 regioni, le 2 province autonome, Roma capitale.
Quanti per ciascun unità? Ho pensato spesso, in questi lunghissimi anni di militanza e di studio, che dovessero essere almeno tre: il presidente, un rappresentante eletto dalla sua maggioranza e il portavoce della sua opposizione.
Bastano per chi, come me, ha sempre pensato che i senatori dovessero essere meno di 100 (cento) - e i i deputati della Camera non più di 400 (quattrocento).
Il nuovo senato non deve dare la fiducia al governo.
Non deve votare su leggi fiscali o di bilancio.
I suoi membri - essendo stipendiati dei loro consigli locali - non dovrebbero riscuotere alcuna ulteriore indennità.
In pratica sono decisamente d'accordo con i punti irrinunciabili dell'accordo Renzi-Berlusconi e decisamente diffidente nei confronti della cosiddetta iniziativa Chiti.
Tuttavia, a parte la necessità di un nuovo senato senza membri eletti direttamente, senza fiducia, senza poteri fiscali, senza stipendio, su tutto il resto si può e si deve discutere a tutto campo.
Anzi, credo che al nuovo Senato federale dovrebbero essere dati poteri penetranti, che gli consentano di diventare un attore del rinnovamento federale d'Italia e d'Europa.
Condivido il senso di urgenza di coloro che dicono che una bozza su questo nuovo senato debba essere votata al più presto, entro le elezioni europee.
Lo scriviamo in questa vigilia di un altro importante 25 aprile: vogliamo salvarla o no questa nostra Repubblica?
Buona festa della Liberazione a tutt*!

Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard