Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

sabato 10 settembre 2011

Comuni più forti, borghi più liberi

Italia Futura, la fondazione che è sempre di più un punto di riferimento per coloro che hanno ancora la testarda speranza di vedere in questa Repubblica una stagione di riforme, ha pubblicato un mio intervento su un tema che mi è caro: il rafforzamento dei nostri comuni, anche attraverso l'unificazione di quelli troppo piccoli o che frammentano territori che avrebbero bisogno di una amministrazione comune.

Leggete il mio articolo sul sito di Italia Futura.





Testo integrale dell'intervento:


Comuni più forti, attraverso l'iniziativa civica, dal basso




In questa Italia bloccata c'è qualcosa che noi cittadini possiamo fare direttamente, da subito, senza aspettare che cambino la Costituzione o le leggi: rafforzare il nostro primo governo, quello più vicino a noi tutti, le nostre amministrazioni comunali.
Dalla Toscana segnaliamo alcuni esempi di movimenti nati dal basso per l'unificazione di comuni troppo piccoli, che frammentano l'amministrazione di territori che avrebbero invece bisogno di una gestione unitaria. Uno di questi movimenti è nato da tempo all'Elba. L'isola toscana, con un territorio di circa 223 kmq, conta in tutto circa 30.000 abitanti ed è divisa in ben 8 comuni. L'iniziativa può essere seguita su questo sito: http://www.comuneunicoelba.com. Un'altra di queste iniziative, già all'esame del Consiglio regionale, si è sviluppata nel Casentino toscano, nella provincia di Arezzo, un territorio famoso fra l'altro per il santuario della Verna e per l'eremo di Camaldoli, attualmente diviso in ben 13 comuni.
Dibattiti di questo tenore stanno avviandosi in tutta Italia. E non solo in contesti rurali o montani. Dell'opportunità di unire i comuni si discute anche nelle realtà urbane, dove molti comuni sono già di fatto “attaccati” l'uno all'altro in conurbazioni che attendono di veder finalmente diventare realtà quelle “città metropolitane”, che da decenni avrebbero dovuto garantire loro un governo unitario più razionale.
L'unificazione dei comuni in realtà più ampie e adatte ai nostri tempi è un tema rigorosamente bipartisan e incontra un sostegno trasversale. La natura partecipativa del processo è garantita dall'art. 133 della Costituzione, che prevede che queste proposte di modifica delle circoscrizioni comunali siano sottoposte al vaglio di referendum popolari, indetti dalla regione. Non si deve in alcun modo attendere, per fare qualcosa per il nostro comune, che si smuova qualcosa nella palude politica nazionale! Si deve invece attivarsi sul proprio territorio, organizzando raccolte di firme da sottoporre alle proprie autorità regionali.
Come fanno queste iniziative, ci si chiederà, ad avere ragione del nostro tradizionale campanilismo?
Attraverso una riflessione che a ben vedere somiglia parecchio alla scoperta dell'acqua calda: già oggi i nostri comuni sono, nella quasi totalità dei casi, delle “comunità” che riuniscono diversi “borghi”, cioè frazioni, borgate, quartieri.
Ciascun borgo è, per il cittadino, la prima dimensione comunitaria e il primo spazio civile, in cui ci si riconosce e ci si ritrova.
Tuttavia i cittadini del borgo riconoscono facilmente il loro essere parte di una comunità territoriale più ampia, sia essa rurale, montana, o anche urbana.
Comprendono bene che solo se il proprio campanile è inserito in un comune più ampio, in una amministrazione territoriale meno frammentata, certi obiettivi di buongoverno sono più facilmente raggiungibili. Troppe frazioni minori e di confine, in comuni troppo piccoli e gracili, sono, al contrario, neglette e abbandonate.
L'unificazione dei comuni, va da sé, è anche un modo semplice e concreto per ridurre i costi impropri della politica. Non solo perché ridurrebbe il numero degli amministratori, ma soprattutto perché comuni più grandi e più forti non avrebbero più bisogno di comunità montane, comprensori, circondari o di altre forme di enti e autorità intermedie. Anche il dibattito sull'abolizione delle province risulterebbe decisamente incoraggiato da un serio processo di unificazione dei comuni.
Questi movimenti dal basso potrebbero portare presto, in modo democratico e partecipato, senza verticismi e senza forzature, a una forte riduzione del numero degli oltre 8.000 comuni italiani, in particolare di quelli, che sono oltre 5.000, che hanno meno di 5.000 abitanti.



Mauro Vaiani

Post più popolari di sempre