Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

martedì 28 giugno 2016

Il papa invita a una disintegrazione come innovazione








Un incredibile papa Francesco, di ritorno dal suo ultimo viaggio apostolico in Armenia, oltre a chiedere scusa ancora una volta ai poveri, alle donne, ai gay, alle vittime delle guerre in cui le armi sono state benedette dal clero, ha aperto uno spiraglio che sembra proprio andare nella direzione a cui ho dedicato il mio anticonformista studio sulla disintegrazione come possibile fonte di speranza economica e sociale.
Il vescovo di Roma ha candidamente dichiarato: "Per me sempre l'unità è superiore al conflitto, ma ci sono diversi modi di unità". La fratellanza è certamente migliore delle distanze, ma un paese ha bisogno della sua cultura. "Il passo che l'Unione [Europea] deve dare per ritrovare la forza delle sue radici è un passo di creatività e anche di sana “disunione”, cioè dare più indipendenza e più libertà ai paesi della UE, pensare a un'altra forma di unione. [...] C'è qualcosa che non va in quell'Unione massiccia, ma non buttiamo il bambino con l'acqua sporca e cerchiamo di ricreare. Creatività e fecondità sono le due parole chiave per l'Unione".
Notevole e audace.
Complimenti a questo leader che è degno erede dei suoi predecessori recenti e che pare capace di portare avanti e sviluppare l'eredità di San Giovanni XXIII, di Paolo VI, di Giovanni Paolo I, dell'amato San Giovanni Paolo Magno.
Molti, anche studiosi, anche giovani, quando sentono parlare di (non solo miei) studi di geopolitica critica, anti-burocratici, anti-militaristi, anti-superstato, si tappano gli orecchi e si rifiutano di ascoltare.
Queste poche parole, crediamo, segneranno un piccolo cambiamento ed era giusto ricordarle stasera, alla vigilia della bella festa cristiana dei Santi Pietro e Paolo.

Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard