Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

giovedì 16 giugno 2016

A Sesto non succedeva mai niente


A Sesto Fiorentino non succedeva mai niente!
A parte, s'intende, la crisi economica, la moltiplicazione di case dormitorio, ecomostri, strade incompiute, ferrovie sottoutilizzate, beni pubblici abbandonati, spazi privati negletti, la cattedrale nel deserto (il polo scientifico) e il parco fantasma.
La gente della Piana ha digerito di tutto, per decenni, facendosi forte di ciò che tradizionalmente era stato garantito, che non era stato certo poco: libertà, dignità, cultura, servizi dignitosi, case a un prezzo ragionevole, possibilità di impiego.
Negli ultimi decenni, mentre tutte le certezze declinavano, mentre tutto degradava, Sesto sembrava resistere.
Ammettiamolo: stava per digerire ancora qualcosa, che fosse il discusso e discutibile progetto di inceneritore, o anche una nuova pista aeroportuale, o anche una nuova corsia autostradale. Ma tutto insieme no, non era più possibile. Il vaso è traboccato.
Non è solo che i dirigenti dei vecchi gruppi dirigenti si sono spaccati (e anche un po' sputtanati).Sono stati proprio i cittadini a generare una vera e propria rivolta contro lo status quo, in difesa del territorio e della riconversione ecologica: rifiuti zero, decementificazione, completamento delle piccole opere (non solo subire le conseguenze delle grandi), realizzare finalmente l'antico sogno del treno-tram fra Prato, Calenzano, Sesto e Firenze.
Senza l'attivazione di queste incredibili, nuove reti di cittadinanza attiva, di protesta ma anche di solidarietà, non si sarebbe arrivati allo storico ballottaggio fra Lorenzo Falchi e Lorenzo Zambini.
Auguri, cari Sestesi, sorelle e fratelli della Piana.
Vivete con gioia quello che è forse il più importante, fra i sei ballottaggi toscani di domenica 19 giugno 2016.
Non lasciatevi sfuggire l'occasione di una grande svolta civica e civile.


Assieme ad amici e colleghi,
Mauro Vaiani (a sinistra nella foto)
ha sostenuto Lorenzo Falchi (a destra)
in questa campagna elettorale 2016

Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard