Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

venerdì 24 giugno 2016

L'Inghilterra si scrolla di dosso quarant'anni di discutibile eurocrazia



Il popolo inglese si è espresso ieri, 23 giugno 2016, per l'uscita dalla Unione Europea. Nonostante il bombardamento mediatico e le minacce interne e internazionali, gli elettori hanno preferito imboccare la strada più difficile e più rischiosa.
Il Regno Unito si scrolla di dosso oltre quarant'anni di integrazione europea, che è sempre stata vissuta come una impropria concentrazione di potere burocratico e tecnocratico a Bruxelles.
I più poveri, i meno istruiti, i più anziani, si legge su The Guardian, avrebbero votato per l'uscita mediamente di più di abbienti, colti, giovani.
Un fatto che che dovrebbe suscitare, a nostro modesto parere, in tutta l'Unione Europea, qualche riflessione critica e autocritica.
Pare confermato ciò che una geopolitica critica sostiene da sempre: la giustizia sociale, l'inclusione, l'integrazione degli immigrati si costruiscono quartiere per quartiere, paesino per paesino, dal basso, nelle periferie; non concentrando risorse in lontane capitali.
Si devono aumentare scuole pubbliche e alloggi popolari nei piccoli comuni, non tecnocrazie e cabine di regia nei ministeri centrali, tanto meno nelle direzioni generali europee.
Il paese esce diviso da questo confronto, con la Scozia, l'Irlanda, la città cosmopolita di Londra che hanno votato per rimanere, mentre il corpo dell'Inghilterra ha votato per uscire.
Questo porterà, inevitabilmente, a ridefinire i rapporti geopolitici anche internamente al Regno Unito.
A tutti consiglieremmo ora una certa umiltà e un vero europeismo.
I paesi UE e non UE devono mantenersi uniti, continuando a essere una grande area di pace, cooperazione e libertà - anche di movimento delle persone e non solo di merci.
I paesi che restano nella UE devono trovare il modo di alleggerire, per dirla con le parole di un bel libro di Hans Magnus Enzensberger, il mostro forse bonario, ma invadente che hanno creato.

In giallo i "Rimani", in celeste gli "Esci"
Fonte: The Guardian





Post più popolari degli ultimi 12 mesi

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini decentralismo dialogo autogoverno Disintegration as hope don Domenico Pezzini ecotoscanismo Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard