Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

lunedì 1 giugno 2015

In onore degli eroi della notte elettorale


Per fronteggiare una situazione di emergenza, il Comune di Firenze mi ha mandato a presiedere la sezione elettorale n.5, vicino Santa Croce, nella bella scuola elementare Vittorio Veneto, in occasione delle elezioni regionali della Toscana, celebrate domenica 31 maggio 2015.
Una esperienza umanamente e civicamente intensa, faticosa e bella, per la quale ringrazio la Provvidenza.
Voglio lasciare qui un ringraziamento e un elogio per le persone che ho coordinato in questa maratona elettorale e che, in ultimo, sono state impegnate ininterrottamente, per quasi 24 ore, dalle prime ore della domenica mattina 31 maggio, alle prime ore del mattino del 1 giugno.
Noi del seggio n. 5, non siamo stati fra i più bravi e veloci, ma siamo stati, credo, precisi e prudenti per quanto ci imponeva la nostra coscienza e ci consentivano le nostre forze.
Attorno a noi, prima, durante e dopo le operazioni elettorali, abbiamo trovato migliaia di persone che si sono sacrificate per far funzionare il sistema, con diligenza e, in non rari casi, con abnegazione.
Un elogio tutto particolare lo voglio fare ai cosiddetti «telefonisti» del Comune di Firenze, che hanno fatto fronte, in prima persona, a tutte le deficienze e alle molte falle del sistema.
Purtroppo, stamani, alle 11 passate, a dodici ore dall'inizio degli scrutini, su 3969 seggi elettorali toscani, ce ne sono ancora tre che non hanno potuto trasmettere i propri dati al sistema degli open data regionali e nazionali.
Tanti come me, persone di medie capacità ma non prive di addestramento al lavoro burocratico, possiamo testimoniarvi che, alla luce della inutile complessità delle norme vigenti, della illeggibilità dei verbali, della capziosità dei meccanismi, delle sciagurate scelte logistiche, del peso angosciante dello status quo che costringe tutti a lavorare con mani legate e bende sugli occhi, il fatto che i dati siano sostanzialmente ormai quasi completi, è praticamente un miracolo.
Merita di essere censurata, fra le tante sbagliate, una scelta davvero sciagurata: quella di imporre gli scrutini notturni, a persone che erano, alle 23 di ieri sera, già in piedi da quasi venti ore.
Vergogna, vergogna, vergogna, a tutti coloro, lassù in alto, purtroppo concentrati tutti a Roma, che hanno scelto questi tempi di scrutinio.
Nonostante loro, ancora una volta tanta gente comune ha fatto miracoli e li ha fatti quasi gratuitamente, onorando la repubblica e l'autogoverno toscano, mentre le alte burocrazie continuano ad avvitarsi, al riparo da ogni critica e da ogni responsabilità.
Chiudo con un auspicio, che però richiederà anche riflessione e impegno personale: dobbiamo fare qualcosa perché, prima o poi, vadano al potere donne e uomini che hanno lavorato nei seggi elettorali in notti come quella appena scorsa.
Crediamoci, proviamoci, insieme.

Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard