Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

martedì 2 luglio 2013

Via dall'Afghanistan, non ci vuole un dottorato per capirlo

Mentre si avvicina la data della difesa pubblica della mia tesi di dottorato, sto rivedendo alcune delle idee e delle persone che mi hanno ispirato in questi anni di ricerca sulla "disintegrazione come speranza", disintegration as hope. Uno di essi, Rory Stewart, vorrei fosse più conosciuto, almeno qui in Toscana, almeno nel mondo civico-liberale, almeno da coloro che lavorano con Emma Bonino, almeno fra coloro che sperano in Matteo Renzi. Riascoltatelo mentre spiega nel 2011, ancora una volta e magistralmente, ciò che sostiene da anni: via dall'Afghanistan - dove l'aiuto internazionale è ormai peggio di quella peste di cui parla Malaparte nel suo La pelle del 1949.



*
*

Post più popolari di sempre