Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

mercoledì 3 aprile 2013

I Democratici toscani si mettono in gioco per la riforma


Il 28 marzo scorso, il Giovedì santo, i Democratici della Toscana, con una conferenza stampa congiunta del loro ex capogruppo regionale e oggi assessore, Vittorio Bugli, dell'attuale presidente dei consiglieri PD in regione, Marco Ruggeri, e del loro segretario regionale, Andrea Manciulli, hanno confermato il loro impegno per la riforma elettorale regionale.
E' una ottima notizia e ottimo è stato anche l'impegno preciso sui tempi, che è stato assunto davanti all'opinione pubblica toscana: il PD toscano presenterà la propria proposta in autunno, quando il parlamento toscano dovrà votare la nuova legge elettorale, abolendo le attuali liste bloccate. Dopo tanti annunci, questi sono tempi verificabili e ineludibili.
Sono state anche annunciate, a partire da maggio, assemblee in tutta la regione per consentire ai militanti di esprimere il loro orientamento su due diverse soluzioni: i collegi uninominali con primarie; oppure il ritorno delle vecchie preferenze.
Iniziativa lodevole, a cui chiederemo di poter contribuire, che speriamo sia notevolmente partecipata, che tuttavia contiene un punto critico.
Con questa formula il partito segnala una debolezza, il suo non esser stato capace di mostrarsi unito attorno alla propria vocazione maggioritaria e alla scelta storica in favore dei collegi uninominali e delle primarie.
In un dibattito vitale su come saranno selezionati i leader del futuro, invece, l'opinione pubblica della Toscana avrebbe il diritto di essere informata al più presto su come veramente la pensano gli attuali leader della più importante forza politica della nostra terra.
Si corre, temiamo, il rischio di atteggiamenti pilateschi e, per di più, presentando primarie e preferenze come se fossero interscambiabili, si rivela una sottovalutazione dello spessore culturale e politico del tema, che non è davvero rassicurante.



Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard