Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

lunedì 10 febbraio 2014

Popoli sovrani, prìncipesche cittadinanze

Le 26 repubbliche sovrane della Svizzera hanno votato su tre argomenti molto seri.
I risultati sono visibili sui siti della Confederazione.
La questione più seguita all'estero era ovviamente il cosiddetto "freno" all'immigrazione di massa, ma anche le altre due sono interessanti: trasporti e finanziamento degli aborti - meriterebbero un approfondimento.
Il "freno" è stato approvato, come era stato richiesto non solo dalla cosiddetta destra, ma anche dagli ecologisti e da molti cittadini indipendenti. La Svizzera, non scordiamolo, ospita una percentuale di immigrati pari al 25%, con livelli di legalità, integrazione, diritti umani e sociali, davvero invidiabili, ma difficilmente sostenibili.
Era inevitabile che arrivasse ai vertici federali la richiesta di una maggiore prudenza.
Secondo i miei studi, il nostro futuro geopolitico potrebbe essere molto simile a quello che la Svizzera è da secoli: le nostre comunità locali stanno pretendendo sempre più sovranità; stanno diventando sempre più cittadinanze non solo attive e protagoniste, ma addirittura con l'attitudine a diventare "prìncipi" di se stesse.
In questi miei primi mesi post-doc, porto avanti il mio lavoro - che si intitola "Disintegration as Hope", perché contiene, fra l'altro, una visione ottimistica sulle grandi disintegrazioni geopolitiche contemporanee - sperando di poterlo presto diffondere maggiormente nella comunità scientifica.




Post più popolari di sempre