Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

lunedì 9 dicembre 2013

Non c'è tempo da perdere


Sì, la discontinuità è arrivata.
Tre milioni di cittadini sovrani hanno parlato forte e chiaro:
- riforma elettorale subito, maggioritaria e fondata sui collegi,
- taglio di un miliardo di euro subito dei costi della politica;
- nuovo codice semplificato del lavoro, subito;
- qualche buona idea per come continuare a stare nell'Eurozona e in Europa, cominciando a pagare i debiti, ma dando un po' di respiro a lavoratori e imprenditori, a spese della rendita e del parassitismo.
Congratulazioni a Matteo Renzi, che ha vinto con quasi il 70% dei voti.
Era emozionato e stanco, oggi, nella sua prima conferenza stampa e anche visibilmente innervosito dal fatto che la stampa romana non sembrava apprezzare granché la novità rappresentata dalla sua squadra, preferendo ripetergli le stesse domande fritte e rifritte su durata del governo, rapporti di forza fra fazioni e partiti, e altro chiacchiericcio politico.
Matteo Renzi ha ribadito la sua convinzione che cambiare è necessario e drammaticamente urgente. Non ha citato l'Italia dei forconi, ma aveva certo in mente l'Italia della crisi e del declino, quella contro cui ha fortemente lottato in questi anni da sindaco di Firenze.
A noi la bellezza di una squadra di cinque uomini e sette donne - con età media poco superiore ai 30 anni - ha colpito.Citiamo qui i nomi e le materie:
1 - Luca Lotti (coordinatore della segreteria)
2 - Stefano Bonaccini (enti locali)
3 - Filippo Taddei (economia)
4 - Davide Faraone (welfare e scuola, insieme, altra novità che la stampa non sembra aver colto nella sua importanza)
5 - Francesco Nicodemo (comunicazione)
6 - Maria Elena Boschi (riforme)
7 - Marianna Madia (lavoro)
8 - Federica Mogherini (Europa ed esteri)
9 - Deborah Serracchiani (infrastrutture)
10 - Chiara Braga (ambiente)
11 - Alessia Morani (giustizia)
12 - Pina Picierno (legalità e sud)
A questi si aggiunge il portavoce Lorenzo Guerini.
Buon lavoro a Matteo Renzi e ai suoi collaboratori.
Non c'è tempo da perdere.
 

Post più popolari di sempre