Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

martedì 29 gennaio 2013

Giannino Unchained


Un omaggio di Bruno Bozzetto a Oscar Giannino
Si rafforza ogni giorno di più la speranza che Oscar Giannino, con la sua lista Fare per Fermare il Declino, possa superare il 4% ed entrare alla Camera.
Gli ultimi sondaggi dicono che il 3% è superato e ogni giorno qualche cittadino in più si avvicina, si convince, si mobilita.
Nel mio piccolo, quasi ogni giorno, semplicemente raccontando che lui c'è, qualcuno dei miei amici e colleghi si decide a votare per lui, almeno alla Camera.
Oscar Giannino, nonostante i non pochi problemi che la sua iniziativa ha dovuto superare, fra i quali il vero e proprio pacco che fu rifilato a lui e a parecchi altri, incluso chi scrive, alcuni mesi fa, da un gruppo di aspiranti notabili, sta finalmente bucando il muro di gomma della rassegnazione, dell'indifferenza e dell'incomprensione.
Quando lo lasciano parlare, i cittadini lo capiscono e ne comprendono la serietà.
Svizzera, Svezia, sono i suoi modelli di federalismo, welfare e competitività.
Parla di numeri e di obiettivi concreti, una mosca bianca in un mondo di chiacchieroni a vanvera.
Rischia personalmente, in un mondo di potenti e privilegiati che cascano sempre in piedi.
E' l'unico maverick veramente minaccioso per la dittatura dello status quo.
In cima al suo programma ci sono i giovani, le donne, le piccole imprese, le famiglie che pagano il mutuo della prima casa, gli innovatori, i creativi.
Può farcela perché - e finalmente! - in queste elezioni politiche 2013 conteranno qualcosa coloro che guardano più Internet che la televisione, coloro che consultano più le fonti originali che certe superficiali e tendenziose sintesi giornalistiche.
Comunque vada, il prossimo parlamento non potrà fare molto di più che tagliare qualche poltrona e qualche privilegio, dimezzare i parlamentari, togliere il bicameralismo paritario, varare una legge elettorale più decente.Oscar Giannino ha capito anche questo e, a differenza di altri, lo dice apertamente e farà quello che dice.
Votiamolo.
Non ce ne pentiremo.


Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard