Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

martedì 27 luglio 2010

Il diavolo si nasconde nei dettagli

Pubblichiamo qui alcune riflessioni raccolte e maturate, insieme con tanta gente del PDL toscano e del nostro più ampio movimento civico-liberale toscano, nei giorni immediatamente successivi alle dimissioni di Verdini dalla presidenza della sua banca (Nota dell'A., martedì 7 dicembre 2010).


Il diavolo si nasconde nei dettagli.
Per esempio nei tempi.
La proposta di commissariamento del Credito Cooperativo Fiorentino, formulata dalla Banca d'Italia, è arrivata nella giornata di mercoledì 21 luglio 2010.
La pratica è stata quindi "immediatamente istruita dagli uffici" e siglata dal direttore generale del Tesoro nella giornata di venerdì 23 luglio.
Lunedì 26 luglio è stata poi ritrasmessa al gabinetto del ministro per la firma.
E' già lunedì 26, quando Denis Verdini rende note le sue irrevocabili dimissioni, che portano la data del 23.
E' nella stessa giornata di lunedì 26, che tutto il consiglio di amministrazione della banca, dopo avergli espresso solidarietà, lo segue nelle dimissioni.
Il giorno dopo questa solidarietà e quelle dimissioni, martedì 27, il ministro Giulio Tremonti sigla il provvedimento contro l'istituto, chiesto da Bankitalia per "gravi irregolarità nell'amministrazione e violazioni normative".
E' lecito pensare, ci pare, che le dimissioni di Denis Verdini siano arrivate in extremis, quando ormai già sapeva che sarebbe stato estromesso dai commissari di Bankitalia.
Parecchi in Toscana sono rimasti impressionati molto negativamente da questa pantomima.
Molti, non solo in Toscana, lamentano che Denis Verdini avrebbe dovuto fare, allora e forse anche da prima, un passo indietro anche nel PDL e nella politica italiana e toscana, non solo nella sua banca.
Dal punto di vista politico, a mio modesto parere, era comunque già tutto finito.

Alcune fonti, accedute fra il luglio e l'agosto 2010:
http://www.tgcom.mediaset.it/economia/articoli/articolo487344.shtml
http://www.tgcom.mediaset.it/economia/articoli/articolo487352.shtml
http://notizie.tiscali.it/articoli/cronaca/10/07/26/p3-settimana-decisiva-verdini-davanti-pm.html
http://www.corriere.it/politica/10_luglio_26/verdini-dimissioni-credito_8291f2d4-988c-11df-a51e-00144f02aabe.shtml

Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard