Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

mercoledì 24 febbraio 2016

Benzina neocolonialista sul fuoco libico


No a ogni intervento neocolonialista in Libia.
Non tocca a noi occidentali, né alle plutocrazie arabe porre fine alla frammentazione libica.
La pressione internazionale per la costituzione del cosiddetto "governo unitario", la corruzione finanziata dagli sceicchi, le infiltrazioni francesi, i droni americani, il supporto logistico ai bombardamenti concesso (non senza la solita italianissima ipocrisia) dalla nostra ministra Pinotti, sono tutte mosse avventate, benzina sul fuoco.
L'unica strada praticabile per i libici è quella dell'armistizio, della distensione, del dialogo a lungo termine fra le forze più ragionevoli, quelle che hanno controllo e responsabilità della Tripolitania, della Cirenaica, dei deserti tribali, delle comunità Tuareg.
Le forze che vengono rappresentate come terroriste, gli islamisti di Sirte, occupano solo una piccola enclave proprio ai confini fra il governo di Tobruk e l'assemblea di Tripoli.
Sono un pericolo geopolitico? Tripoli e Tobruk possono cooperare nel controllarlo, senza bisogno di intrusioni neocolonialiste dall'esterno.
Una certa retorica mediatica e diplomatica internazionale, invece, sta riempiendo i nostri orecchi di confusione e paure, al solo scopo di trascinarci in un'altra insensata guerra per la ulteriore distruzione della Libia, a maggior gloria dei nostri apparati militari-industriali.
Svegliamoci!



Fonte: Wikipedia


Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard