Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

lunedì 14 dicembre 2015

Un'altra piccola rivoluzione corsa


Fonte: un particolare di una immagine
della campagna elettorale di http://www.femuacorsica.com/ ,
la principale lista attorno a cui si è coagulata
la colazione "Pè a Corsica", guidata da Gilles Simeoni


In Francia non c'è stato il temuto trionfo della reazione, ma piuttosto, nella piccola Corsica, c'è stata una rivoluzione.
In un panorama politico arretrato e diviso, è emersa vittoriosa una delle liste più inclusive e innovative, "Pè a Corsica", arrivata prima nel secondo turno delle elezioni regionali di ieri, domenica 13 dicembre 2015.
In calce a questo post pubblichiamo alcuni dati che lasciano facilmente comprendere come, con questo voto, la Corsica esca faticosamente ma finalmente da un passato politico dominato dalla faziosità e dal clientelismo.
Il nuovo presidente della Corsica sarà Gilles Simeoni, già sindaco di Bastia e a questo punto consacrato come uno dei principali leader del movimento nazionale corso.

I numeri e gli spazi della Corsica sono piccoli: poco più di 8.500 kmq (la Toscana poco più di 22.000); poco più di 300.000 abitanti (la Toscana più di 3 milioni e mezzo). Il messaggio però è importante e globale: la centralità di una idea di autogoverno responsabile, adatto al nostro tempo.
L'idea di autonomia della Corsica è antica e profonda. La prima idea moderna di repubblica corsa risale al 700. La dichiarazione d'indipendenza del dicembre 1730 è forse la prima nel suo genere. Il nome dell'eroe corso Pasquale Paoli è conosciuto a tutti i patrioti e libertari del mondo.
Il cammino è, ovviamente, tutto in salita, come sanno bene Toscani e Sudtirolesi, Catalani e Scozzesi, movimenti civico-liberali e autonomisti libertari di tutto il mondo, ma oggi, intanto, è giusto festeggiare.
Con i nostri studi sulla disintegrazione come speranza nel dopo 1989, stiamo cercando di spiegare e rilanciare una intuizione che era già di Tom Nairn, sin dagli anni '70: l'indipendentismo delle piccole madrepatrie è potenzialmente civico; al contrario del nazionalismo delle grandi potenze, che invece è stato intrinsecamente distruttivo.
La Corsica potrebbe diventare un caso che rafforza i nostri studi, ma non è questo l'importante.
Importante è che la Corsica conosca, sotto un nuovo governo, giorni migliori.
Auguri alla nostra sorella Corsica.

* * *

Chi ha accesso a Facebook, visiti la pagina ufficiale di "Femu a Corsica", la realtà politica attorno a cui si è aggregata la coalizione vincente di "Pè a Corsica".

Chi ha tempo per degli approfondimenti, può leggere questo ottimo articolo del Guardian:
http://www.theguardian.com/world/2015/dec/14/corsican-nationalists-win-historic-victory-in-french-elections








Un appassionato discorso di Edmond Simeoni, il babbo di Gilles Simeoni (nuovo presidente eletto):
http://corsicaoggi.altervista.org/sito/il-discorso-di-edmond-simeoni-dopo-la-vittoria-dei-nazionalisti/

 

* * *

Alcuni dati (Fonte: http://www.francetvinfo.fr/elections/resultats/corse/, consultata oggi 14 dicembre 2015):

Partecipazione al voto: 67,03 %

Vincitore:
Gilles SIMEONI
PÈ A CORSICA
35,34 %
52. 839 voti

Secondo:
Paul GIACOBBI (presidente uscente)
PRIMA A CORSICA (lista della vecchia sinistra isolana)
28,49 %
42.607 voti

Terzo:
José ROSSI
LE RASSEMBLEMENT (unione delle vecchie destre isolane)
27,07 %
40.480 voti

Quarto:
Christophe CANIONI
FRONT NATIONAL CORSE AVEC MARINE LE PEN (la nuova destra non sfonda, come nel resto della repubblica francese)
9,09 %
13.599 voti

Schede bianche:
1,56 % - 2.397

Nulle:
1,38 % - 2.121

Aventi diritto: 229.824

Votanti: 154.043 (67,03 %)

Popolazione: 310.827 habitants (Données Insee 2009)

PS: Il lettore toscano non si meraviglia di leggere così tanti cognomi toscani. Sappiamo bene che la Corsica ci è vicina culturalmente e linguisticamente da sempre.

Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard