Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

lunedì 22 novembre 2010

Intanto grazie

Grazie a S.Cecilia, che mi ha fatto tornare a casa da così lontano e che ogni giorno mi promette che la musica non mancherà mai nella mia vita. Ho aspettato che fosse la sua festa, per aprire questo mio modesto discorso, in cui continuerò a fare, sono sicuro, sempre i soliti discorsi. Grazie a S.Martino, che è sempre presente quando c'è da condividere il mantello di una idea, di una speranza, di una buona azione. Grazie a S.Frediano, a cui continuiamo a chiedere il miracolo di controllare il Serchio e tutti i fiumi che incontriamo nella nostra vita, oltre che di darci una mano a stare a galla nel torrente della nostra fuggevole esistenza.

Post più popolari di sempre